#AllahLovesEquality: minacce di morte a Wajahat Abbas Kazmi

wajahat abbas kazmi al pride di milano
Kazmi con Allah Loves Equality al Milano Pride

Wajahat Abbas Kazmi ha partecipato il 30 giugno 2018 al Pride di Milano, sfilando con l’associazione Il Grande Colibrì portando la sua testimonianza di persona musulmana omosessuale e il banner arcobaleno Allah Loves Equality.

A seguito delle sue foto circolate online, Kazmi è stato vittima di messaggi di incitamento all’odio ed è stato oggetto di numerose minacce di morte in più lingue.

L’associazione Il Grande Colibrì sostiene il suo associato e cofondatore e ha immediatamente preso provvedimenti per sporgere denuncia presso le autorità competenti e ha provveduto a contattare la Rete Lenford (associazione di avvocate, avvocati e praticanti costituita allo scopo di sviluppare e diffondere la cultura e il rispetto dei diritti delle persone LGBTI) per perseguire con azioni legali le persone autrici di minacce di morte e messaggi di calunnia e diffamazione.

È necessario enfatizzare, specialmente nel contesto attuale, che Wajahat non è solo, ma è parte di una collettività che crede nel suo messaggio e Il Grande Colibrì, combattendo ogni forma di discriminazione, non accetterà passivamente vessazioni e minacce omo e islamofobe, specialmente se rivolte ai suoi membri.

Al momento in cui scriviamo questo comunicato, la situazione è ancora in corso, le minacce continuano ad arrivare e stiamo consultando i nostri legali e le forze dell’ordine; non appena avremo informazioni più precise, provvederemo a comunicarle sui nostri canali ufficiali, attraverso il nostro sito internet e la nostra pagina Facebook.

Ringraziamo le associazioni e le singole persone che ci stanno offrendo supporto e solidarietà. Ringraziamo Amnesty International Italia (di cui Kazmi fa parte) per l’appoggio e la solidarietà che, attraverso il presidente Antonio Marchesi ed il portavoce Riccardo Noury, ci hanno dichiarato e ci stanno offrendo.

Invitiamo a segnalarci ogni messaggio di odio verso Wajahat e Allah Loves Equality al fine di agire legalmente contro gli autori e le autrici.

Il Grande Colibrì
foto: Il Grande Colibrì

Leggi anche:

LGBT in Pakistan: sprint finale per “Allah Loves Equality”

CILD premia Wajahat Abbas Kazmi come attivista dell’anno

Scritto da
More from comunicati

Ragazze arrestate per un bacio: ecco la petizione

Un innocuo bacio e un abbraccio gentile… e poi tre anni in...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *