“Il matrimonio della mano”: l’islam e la masturbazione

l'islam condanna la masturbazione maschile
Molti studiosi islamici condannano l'autoerotismo

Masturbarsi? Lo abbiamo fatto tutti da adolescenti e da adulti, maschi e femmine, e c’è chi lo fa ancora anche in età avanzata. Il punto è che tutti, eccezioni a parte, ci siamo masturbati almeno una volta nella vita, soprattutto appena raggiunta la pubertà [Il Grande Colibrì].

الاستمناء (al-istimna’) è il termine arabo più diffuso per indicare l’auto-stimolazione dell’organo sessuale, ma esistono altri come العادة السرية (al-‘ada al-sirriya; “l’abitudine segreta”) e نكاح اليد (nikah al-yad; “il matrimonio della mano”). Ricordo benissimo la mia prima volta: fu tra le zampette corte di stoffa fibrosa di un peluche marrone, compagno di avventure dei mesi precedenti, ma che dovetti poi bruciare la sera stessa.

Dopo un paio di settimane il numero di peluche in casa era dimezzato!

Ironia a parte, all’epoca credevo fermamente che la masturbazione fosse proibita e che fosse considerata atto peccaminoso, motivo per cui usai il peluche al posto delle mani e poi dovetti sbarazzarmi, col fuoco, delle “tracce” dell’حرام‎ (haram, peccato) che pensai di aver commesso. Avevo paura di subire una punizione nel caso fossi stato scoperto.

Qui sorge la mia domanda: qual è la punizione della masturbazione in termini religiosi nell’Islam?

Quel che dicono gli insegnamenti islamici a proposito della masturbazione è molto chiaro: non si fa. Tralasciando la finalità riproduttiva della visione eterosessuale perché all’epoca si ricorreva precocemente al matrimonio, adesso che nella maggior parte dei paesi islamici l’età legale per sposarsi è passata dai 15 anni lunari per i maschi e 9 per le femmine ad un minimo di 18 anni solari per le femmine e 20 per i maschi [Avvocati di Famiglia], perché è vietato masturbarsi prima del matrimonio o a chi non è sposato/a?

Le principali interpretazioni ci portano tutte a un versetto coranico che recita: “[I credenti sono coloro] che si mantengono casti, eccetto con le loro spose e con schiave che possiedono […], mentre coloro che desiderano altro sono i trasgressori” (Sura 23, I credenti, 5-7). L’ultima aya (versetto) è quella che include l’auto-stimolazione nella sfera del haram, in quanto perversione, per tutte le varie correnti islamiche sia sunnite che sciite, perché qualunque forma di gratificazione sessuale praticata al di fuori del matrimonio (o del concubinato con schiave, qualora ce ne fossero) è severamente proibita in quanto porta a trasgredire la legge di Allah.

Il tafsir della aya, ossia l’interpretazione autentica data da dotti musulmani con una grande conoscenza linguistica e un’ottima preparazione teologica, è uguale per tutte le interpretazioni degli studiosi più famosi (come Ibn Kathir, Al-Ghazali, Al-Qurtubi e anche il più recente fra loro, Sayyid Qutb) e afferma che il pronome “coloro” si riferisce alla popolazione maschile. Ma allora le femmine possono masturbarsi? Anche se la risposta è no, troviamo la solita assenza di prove concrete a riguardo.

A questo punto, fingendo di accettare il fatto che la masturbazione sia un peccato paludoso da cui l’uscita non è per nulla facile, rivolgo lo sguardo alla punizione di tale “indecenza”, cerco un’esauriente risposta tra le numerose pagine web di stampo islamico e trovo solo arrampicamenti sugli specchi, tra chi la considera equivalente alla زناء (zina, adulterio) e chi la paragona addirittura alla zoofilia.

Anche in questo argomento, le maggiori correnti islamiche si dividono: gli hanafiti dicono sia completamente haram, mentre i malikiti e gli sciafeiti sostengono che l’eiaculazione volontaria e con il solo pensiero senza nemmeno toccarsi sia peccato che esige una punizione. Gli hanbaliti e gli zahiriti invece favoriscono il parere che la masturbazione sia detestabile ma non peccaminosa se praticata per evitare di cadere in fornicazione illecita, perché né nel Corano né nella Sunna (regole di comportamento derivate da azioni e parole di Maometto) esistono prove che la condannano.

Dunque, dopo tutte quelle ricerche credo semplicemente che ci sia una grande confusione riguardo alla masturbazione, che comunque rimane giudicata come atto osceno, peccaminoso e deviante nell’Islam, ma senza validi fondamenti nella religione in cui cerco di credere con consapevolezza e con spirito critico. Perciò chiedo a chi conosce bene questo argomento di illuminarci tutti e tutte.

 

Lyas
©2017 Il Grande Colibrì

Scritto da
More from Lyas

Perché sono ciccione e voglio ingrassare ancora

Era la primavera del 2009 quando su una room-chat gay avevo scambiato...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *