Una (ri)soluzione contro il problema omofobia

MONDO Il Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU ha approvato una risoluzione, proposta dal Sudafrica, che impegna l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, Navi Pillay, a commissionare uno studio mondiale sulle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale. Lo studio affronterà sia l’aspetto legale sia la diffusione della violenza omofoba. A favore della risoluzione si sono espressi tutti i paesi americani e (quasi) tutti quelli europei (con l’eccezione di Russia e Moldova). I paesi africani e asiatici, al contrario, si sono espressi negativamente con poche eccezioni (Sudafrica, Mauritius, Giappone, Corea e Thailandia) (Gay.it).

MOI Il re del Marocco sta proponendo alcune riforme per trasformare la monarchia da assoluta a costituzionale. Abdelillah Benkirane, segretario del Partito della Giustizia e dello Sviluppo di ispirazione islamica (il più grande del paese, sebbene raccolga solo l’11% dei voti), ha già annunciato che, al referendum confermativo, farà campagna contro queste riforme se si darà spazio alla laicità e alle libertà individuali. In particolare, nel mirino la libertà di religione e i diritti LGBTQ*: “Chi porta in sé cose così immonde si nasconda, perché se ci mostra il suo viso noi applicheremo contro di lui le punizioni di Dio” ha dichiarato Benkirane (My Amazighensegui MOI Musulmani Omosessuali in Italia).

POLITICA Se per gli islamisti marocchini l’omosessualità è immonda, per il sindaco di Sulmona Fabio Federico, del PdL, essa sarebbe addirittura una “aberrazione genetica” e una “malattia da curare“. Frasi deliranti dette da un politico, ancor più gravi perché Federico è medico (Repubblica). Ma ancora più preoccupante, nelle sue conseguenze pratiche, è la posizione assunta dal sindaco piddino di Bologna, Virginio Merola, che vorrebbe offrire i servizi comunali solo alle coppie sposate, dal momento che “usciamo da un lungo periodo in cui ha prevalso l’idea e la pratica della libertà dai legami” (Repubblica). Insomma, si tratta di una vera e propria campagna moralizzatrice…

CRONACA Per tre anni i colleghi lo hanno perseguitato così pesantemente da impedirgli di mangiare in mensa o di farsi la doccia al termine dell’orario di lavoro: e così Emanuele Naruti, operaio omosessuale di Mestre, prima si è dovuto dimettere, poi si è rivolto alla giustizia. E, per fortuna, ha ottenuto risposte positive: il Tribunale di Venezia, infatti, ha condannato la sua ex azienda al pagamento di 27mila euro di danni non patrimoniali per mobbing omofobico, con una sentenza che rappresenta una svolta nella giurisprudenza italiana e un tentativo di superare un vuoto legislativo ormai sempre più evidente (Il Mattino di Padova).

E ancora…

CULTURA Gli uomini eterosessuali che dichiarano maggiore avversione per l’omosessualità provano eccitazione sessuale quando guardano scene di sesso gay. E’ questa la scoperta di un recente studio americano (Psychology Today). Che gli omofobi siano davvero gay repressi?

MOVIMENTO Non contenta di essere stata la Madonna dell’EuroPride di Roma, Lady Gaga ora mobilita i suoi fan a favore del matrimonio gay a New York (DireDonna).

SESSUALITA’ Prima di partire in vacanza, ricordatevi di richiedere la tessera europea di assicurazione malattia. Ma anche di vedere il video sexy che la pubblicizza… (Europa).

 

Pier
Licenza CC

Licenza Creative Commons

Scritto da
More from Pier

Omofobia nel sangue: se il disgusto si fa morale

MONDO Secondo gli attivisti LGBTQ* e sempre più medici e giuristi il...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *