7giorniLGBT – Notizie LGBT dal 7 al 13 aprile

papa francesco e studente gayfriendly
Papa Francesco incontra Marin, studente gay-friendly

La foto della settimana – Papa Francesco ha incontrato Marin, il coraggioso studente francese rimasto gravemente ferito nel 2016 dopo essere stato picchiato per aver difeso una coppia gay che si baciava per strada.

La frase della settimana – Bullizzato a Firenze, sua città natale, e aggredito a Roma, dove sperava di trovare un ambiente più aperto: l’aggressione, di stampo omofobo, è stata effettuata da quattro neonazisti.

A Firenze, troppo piccola per accettare la mia omosessualità, non sono riuscito a trovare una comunità gay solida, in grado di starmi vicino

7giorniLGBT: Americhe

Trinidad e Tobago. L’Alta corte ha decretato che le leggi contro la “sodomia”, che criminalizzano l’omosessualità, sono incostituzionali. La comunità LGBTQIA festeggia, ma il governo è già pronto a fare ricorso.

Stati Uniti. Il dipartimento della giustizia non monitorerà più l’orientamento sessuale degli adolescenti vittima di crimini. In questo modo le violenze motivate da omofobia e transfobia diventeranno invisibili.

7giorniLGBT: Africa

Uganda. Numerosi politici ugandesi stanno provando a far riapprovare l’Uganda Anti-Homosexuality Act, affermando che l’omosessualità non è africana e che dovrà essere respinta in tutte le sue forme.

Nigeria. T.B. Joshua, fondatore di The Synagogue, un’organizzazione cristiana che gestisce una grande stazione televisiva in Africa, ha dimostrato in diretta TV come “trasformare” donne lesbiche in “normali”.

7giorniLGBT: Asia e Oceania

Indonesia. Un programma televisivo ha ricevuto una sanzione per aver parlato di persone trans, violando le norme. Un progetto di legge prevede, infatti, di mettere al bando tutti i contenuti LGBT dagli schermi TV.

India. Il governo ha modificato le norme sull’imposta sul reddito, consentendo alle persone trans di ottenere un codice fiscale (PAN) per le loro transazioni fiscali come una categoria indipendente di richiedenti.

7giorniLGBT: Europa

Francia. Grazie ad un emendamento, proposto da 50 deputati, ora la lista dei paesi “a rischio” per le persone LGBT sono aumentati. Molti però trovano l’intervento inutile: servirebbe un’abolizione completa.

Francia. Le associazioni deluse da Emmanuel Macron per il suo discorso ben poco laico e con numerosi scivoloni davanti alla conferenza episcopale francese: c’è chi lo definisce “goffo” e chi persino “omofobo”.

7giorniLGBT: Italia

Genova. Il Comune dichiara che potrebbe prendere in considerazione in futuro di patrocinare il Pride se sarà una “manifestazione civile” (sic!). Quest’anno invece non c’è stato nulla da fare: il patrocinio è stato negato.

Bergamo. Al liceo linguistico Giovanni Falcone è stato censurato sul giornalino scolastico un articolo che parla di realtà LGBTQIA. L’articolo è stato fermato perché “potrebbe offendere comunità religiose”.

7 giorniLGBT: Medio Oriente e Africa settentrionale

Egitto. L’Egitto conservatore è a un punto di svolta? Nel 2013 è stato rilasciato un nuovo codice etico utile a riconoscere il disturbo di identità di genere (DIG) come patologia medica e da allora ci sono stati timidi progressi.

Libano. Essere omosessuali è diventato molto più facile a Beirut grazie ai giudici che hanno stabilito che l’omosessualità non viola il codice penale e alla cultura pop (drag queen comprese) che influenza le giovani generazioni.

Gli approfondimenti della settimana

Stereotipi. Per bambine e bambini giocare è fondamentale per crescere, ma troppo spesso proprio i giocattoli sono uno strumento per veicolare e insegnare i pregiudizi di genere e l’eteronormatività.

Comunità. Per le persone omosessuali le nozze, più che la tomba dell’amore, sono la tomba dell’attivismo: secondo uno studio, gay e lesbiche, ottenuto questo diritto. appendono la bandiera arcobaleno al chiodo.

JessicaPier e Thuban
©2018 Il Grande Colibrì

Scritto da
More from redazione

8 gay arrestati: gli appelli delle associazioni tunisine

Dieci persone sono state arrestate nella capitale della Tunisia durante un’irruzione di...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *