Un quaderno di viaggio alla scoperta della Cuba LGBT

Un ragazzo gay cubano fotografato da Kobi Israel

Paradiso o inferno: Cuba è ancora prigioniera della fitta rete di discorsi retorici opposti che la avvolge e la deforma per trasformarla ora in un sogno e ora in un incubo, ma sempre e comunque in una visione onirica. Come succede forse solo con Israele, la rappresentazione di Cuba sfugge alla realtà per rifugiarsi nell’ideologia: capire non è importante quanto esaltare o condannare e Cuba, nei discorsi che facciamo, diventa la sintesi incontestabile del bene o del male, dei torti o delle ragioni. Con il desiderio di mostrare invece che di dimostrare, Il grande colibrì e l’associazione MigraBo’ LGBT, con il coordinamento di Massimiliano Carta e in collaborazione con alcuni attivisti cubani, hanno realizzato il quaderno che potete scaricare qui sotto: un racconto a più voci, a volte dissonanti, per raccontare un paese pieno di contraddizioni, di paure e di speranze. Un paese “normale”, in fin dei conti.

Scarica qui il pdf: italiano | spagnolo

 

Pier
©2016 Il Grande Colibrì
Scritto da
More from Pier

Scandalo in Svizzera: “Soldi cattolici alla lobby gay”

Come far prendere coscienza alla Chiesa cattolica di quali esperienze vivono i...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *