“Ecco perché l’islam non condanna l’omosessualità”

Il Corano non condanna le persone omosessuali

L’imam omosessuale Ludovic-Mohamed Zahed, noto per aver fondato a Parigi una moschea inclusiva, accogliente anche nei confronti delle persone LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transgender), ha recentemente partecipato a due incontri a Genova e Milano organizzati da Il grande colibrì e da alcune associazioni locali. La scorsa settimana vi abbiamo proposto il racconto della sua vita e del percorso umano e religioso che lo ha portato a conciliare fede islamica e omosessualità [Il Grande Colibrì]… ma la sua è una posizione di comodo o ha solide basi? Gli studi di genere applicati all’islam mostrano come le convinzioni di Zahed siano tutt’altro che campate in aria. Oggi l’imam ci propone la lettura di tre opere teologiche e storiografiche che riserveranno grandi sorprese a chi, musulmano o no, vorrebbe rappresentare l’islam come una religione per natura misogina e omofobica.

* * *

Amina Wadud Inside the Gender Jihad - 1Per chi voglia apprendere le basi dell’islam inclusivo, “Inside the gender jihad: Women’s reform in Islam” (Dentro il combattimento per il genere: la riforma femminile nell’islam; Oneworld Publications 2006, 19,35€, 325 pp.) della femminista musulmana Amina Wadud è un libro molto interessante. L’autrice è una delle prime donne ad aver affermato, negli anni Novanta, che si può essere al tempo stesso donna e imam, appoggiandosi – e questa è la cosa più importante – sulla stessa tradizione islamica usata dai musulmani dogmatici.

Amina Wadud ha reinterpretato questa tradizione a fini egualitari, partendo dal principio, fondamentale per i musulmani, di “tahwid” (ﺗﻮﺣﻴﺪ ‎; unicità), parola araba che deriva da “wahid” (واحد ; uno), secondo cui siamo chiamati ad essere tutti uguali e l’unicità di Dio si specchia nell’unicità dell’umanità. Wadud ricorda ai musulmani più estremisti e dogmatici che l’unicità di Dio non può essere scissa dall’unicità dell’umanità. L’autrice parla di questo principio fondamentale nell’islam per militare a favore dei diritti delle donne, per farle accedere al potere all’interno delle comunità musulmane.

Un’altra opera molto interessante è “Homosexuality in Islam: Critical reflection on gay, lesbian, and transgender Muslims” (L’omosessualità nell’islam: Riflessione critica sui musulmani gay, lesbiche e transgender; Oneworld Publications 2010, 23,60€, 448 pp.) di Scott Siraj Al-Haqq Kugle, che è dottore in scienze umane negli Stati Uniti ed effettua un’analisi sistematica del testo coranico e degli ahadith (أحاديث ; aneddoti sulla vita del Profeta) in relazione alla questione dell’omosessualità e della transessualità.

Scott Kugle Homosexuality in IslamStudiando il Corano, Kugle si rende conto che il libro sacro tratta la questione di Sodoma e Gomorra in più di 70 versetti, ma senza mai utilizzare l’espressione “al-mithliyya al-jinsiyya” (المثلية الجنسية ; omosessualità). Gli abitanti di Sodoma e di Gomorra sono descritti come popoli che praticano lo stupro rituale e il brigantaggio e che rifiutano l’ospitalità.

Questa interpretazione è confermata da storici antichi come Erodoto (484 – 425 a.C.), che descrisse le pratiche religiose delle città mesopotamiche: queste si fondavano sul fatto che la verginità dei giovani maschi e delle giovani femmine dovesse essere offerta alla dea Ishtar. Era l’esatto opposto di quello che succede ora: per essere figli di buona famiglia bisognava pagare un sacerdote per farsi violentare, senza avere il diritto di rifiutare le violenze del sacerdote né di scegliere il partner, altrimenti era un disonore per la famiglia, racconta Erodoto. Il seme dei giovani maschi era offerto per inseminare i campi della città, mentre la verginità delle giovani femmine era offerta direttamente alla dea per soddisfare il suo piacere. Si trattava, insomma, di una rappresentazione della sessualità e della spiritualità violenta e non consensuale.

E ciò non ha nulla a che vedere con le rivendicazioni attuali degli omosessuali e delle persone LGBT in generale: nessuna associazione LGBT in Europa chiede di restaurare lo stupro rituale! Chiediamo, invece, che le coppie omosessuali siano protette dalle leggi dello stato e in alcuni paesi chiediamo che i figli di queste coppie, che già esistono o che esisteranno in futuro, siano anch’essi protetti: secondo me non c’è nessuna contraddizione con la spiritualità di ispirazione arabo-musulmana, anzi è vero il contrario.

Il libro di Kugle analizza sistematicamente le tradizioni profetiche, gli ahadith, in cui il Profeta dei musulmani, Maometto (صلى الله عليه وسلم ; pace e benedizione su di lui), è descritto come molto tollerante nei confronti di alcuni uomini effeminati, che si chiamavano “mukhannathun” (مخنثون). Questi uomini erano effeminati, si vestivano con abiti variopinti, si truccavano con l’henné e non provavano desiderio nei confronti delle donne. Lavoravano presso il Profeta perché nessuno voleva dar loro lavoro. Le mogli del Profeta non si velavano davanti loro. Il Profeta impedì ai suoi compagni di prendersela con loro, di far loro violenza o di ucciderli – perché alcuni compagni volevano ucciderli.

Oggi, usando una terminologia moderna, diremmo che il Profeta dei musulmani difendeva in modo proattivo i diritti delle minoranze sessuali. E questa interpretazione è tratta dagli stessi testi che i dogmatici estremisti utilizzano per giustificare l’uccisione delle persone omosessuali, con una differenza: questa interpretazione si basa principalmente su ahadith autentici, mentre i soli “aneddoti” che condannano chiaramente l’omosessualità, dicendo che bisogna uccidere l’attivo e il passivo, sono apparsi storicamente nei testi più di 200 anni dopo la morte del Profeta. Sono menzogne, e comunque queste persone all’epoca non avrebbero avuto bisogno di creare “aneddoti” per condannare l’omosessualità se lo avesse già fatto il Corano.

Khaled El-Rouayheb Before Homosexuality“Before homosexuality in the Arab-Islamic world, 1500-1800” (Prima dell’omosessualità nel mondo arabo-islamico, 1500-1800; University of Chicago Press 2005, 22,44€, 208 pp.) di Khaled El-Rouayheb, invece, racconta la storia del mondo arabo-musulmano e della sua tolleranza verso la diversità di generi e sessualità.

Il titolo si riferisce all’epoca pre-moderna in cui le persone non venivano categorizzavate in base alla loro sessualità. Il termine “omosessualità”, infatti, è stato inventato da medici e psichiatri europei, con molte conseguenze positive a lungo termine in Occidente, ma con conseguenze estremamente negative nelle società arabo-musulmane in pieno tumulto: in tempo di crisi le minoranze sessuali diventano il capro espiatorio di società che si sentono in pericolo, che si sentono invase geograficamente, politicamente o economicamente.

La situazione prima del XIX secolo era esattamente invertita: all’epoca gli arabo-musulmani dell’impero ottomano erano descritti come bisessuali per natura, mentre, per esempio, una città-stato europea come Venezia nel IX secolo rifiutava che il sultano Harun Al-Rashid arrivasse con il proprio amante per fare sesso e divertirsi con i giovani dell’aristocrazia cittadina. Insomma, all’epoca l’impero ottomano, che aveva conquistato metà del mondo, che era alle porte di Vienna e aveva diviso Budapest in due, era l’equivalente di quello che ci immaginiamo essere oggi gli Stati Uniti, mentre gli europei mandavano sul rogo gli omosessuali, i “sodomiti”, come è successo fino al 1750 sulla piazza del municipio di Parigi (e nell’impero britannico l’omosessualità è stata passibile di pena di morte fino al 1830).

Le società arabo-musulmane, come quelle indiane e africane, hanno ereditato queste leggi puritane elaborate in un’epoca in cui in Europa l’omosessualità era considerata un crimine. Dunque, se non è colpa dell’Europa, è almeno un po’ colpa della colonizzazione.

Ricordiamoci comunque che la colonizzazione non è una prerogativa solo europea: oggi l’Arabia Saudita, per la prima volta dopo 1400 anni, ha recuperato quel potere sulle masse musulmane che aveva perso molto velocemente all’inizio della storia arabo-musulmana dopo la morte del Profeta, dal momento che città come Baghdad o Damasco all’epoca erano culturalmente molto più sviluppate rispetto a La Mecca o Medina nella penisola arabica. Oggi l’Arabia Saudita distribuisce gratuitamente copie del Corano, tradotto in tutte le lingue, in cui, dopo aver citato Sodoma e Gomorra, aggiunge la frase tra parentesi “la città degli omosessuali”… come se Dio fosse troppo stupido per dire da solo “la città degli omosessuali”!

Insomma, questa gente non solo cambia e riscrive la storia del mondo arabo-musulmano, ma soprattutto fa esattamente l’opposto di quello che afferma l’islam e l’opposto dell’esempio offerto dal Profeta, e dice che non si può essere omosessuali e musulmani. Secondo me, invece, non si può essere razzisti, antisemiti, misogini, omofobi e musulmani.

 

Leggi tutta la serie di interventi di Ludovic-Mohamed Zahed

 

Ludovic-Mohamed Zahed, imam, psicologo e antropologo
traduzione di Pier
©2015 Il Grande Colibrì

Scritto da
More from Ludovic

Rifugiati e LGBT, tra omonazionalismo e islamofobia

In questi tempi bui, in cui dobbiamo affrontare l’avanzata al tempo stesso...
Leggi di più

3 commenti

  • riconosco che la questione dell omosessualita’ nei testi sacri islamici e’ controversa , delle volte condannata altre volte tollerata ( anche se credo mai veramente accetta)

    dire che le punizioni per gli omosessuali riportate nei libri meno autorevoli della sunna debbano essere mensogne a prescindere mi sembra una conclusione imprudente ….ci andrei cauto

    ceramente il Bukhārī e Muslim sono i testi principali dopo il corano ma non vuol dire gli altri siano solo bugie , sono semplicemente meno affidabili rispetto ai principali

    “Secondo me, invece, non si può essere razzisti, antisemiti, misogini, omofobi e musulmani.”

    anche qui a mio parere stiamo esagerando …per essere musulmano devi essere misogeno e discriminare gli infedeli rispetto ai musulmani e questo in cuor tuo lo sai molto bene . E’ difficile da accettare …inconsciamente vorremmo le cose fossero diverse ma purtroppo l ‘islam e’ quello che non quello che ci piacerebbe fosse .

  • In one passage the Quran says that the men “solicited his guests of him” (Quran 54:37), using an expression that parallels phrasing used to describe the attempted seduction of Joseph, and in multiple passages they are accused of “coming with lust” to men instead of women (or their wives).The Quran terms this an abomination (Arabic: فاحشة‎, translit. fāḥiša) unprecedented in the history of the world.

    “And (We sent) Lot when he said to his people: What! do you commit an indecency which any one in the world has not done before you? Most surely you come to males in lust besides females; nay you are an extravagant people. And the answer of his people was no other than that they said: Turn them out of your town, surely they are a people who seek to purify (themselves).

    While there are no reports relating to homosexuality in the best known hadith collections of Bukhari and Muslim, other canonical collections record a number of condemnations of the “act of the people of Lot” (male-to-male anal intercourse).For example, Abu `Isa Muhammad ibn `Isa at-Tirmidhi (compiling the Sunan al-Tirmidhi around C.E.884) wrote that Muhammad had indeed prescribed the death penalty for both the active and also the passive partner:

    Narrated by Abdullah ibn Abbas: The Prophet said: If you find anyone doing as Lot’s people did, kill the one who does it, and the one to whom it is done.
    — Sunan Abu Dawood, 38:4447, Al-Tirmidhi, 15:1456, Ibn Maajah, 20:2561

    Narrated Abdullah ibn Abbas: If a man who is not married is seized committing sodomy he will be stoned to death.— Sunan Abu Dawood, 38:4448

    Ibn al-Jawzi (1114–1200) writing in the 12th century claimed that Muhammad had cursed “sodomites” in several hadith, and had recommended the death penalty for both the active and passive partners in homosexual acts

    It was narrated that Ibn ‘Abbaas said: “The Prophet said: “… cursed is the one who does the action of the people of Lot.”— Musnad Ahmad:1878

    Ahmad narrated from Ibn ‘Abbas that the Prophet of Allah said: “May Allah curse the one who does the action of the people of Lot, may Allah curse the one who does the action of the people of Lot,” three times.— Musnad Ahmad: 2915

    It was narrated that Jabir: “The Prophet said: ‘There is nothing I fear for my followers more than the deed of the people of Lot.’”— Al-Tirmidhi: 1457, Ibn Maajah: 2563

    Other hadiths seem to permit homoerotic feelings as long as they are not translated into action.[ One hadith acknowledges homoerotic temptation and warns against it: “Do not gaze at the beardless youths, for verily they have eyes more tempting than the houris” or “… for verily they resemble the houris”. These beardless youths are also described as wearing sumptuous robes and having perfumed hair.

    In addition, there is a number of “purported (but mutually inconsistent) reports” (athar) of punishments of sodomy ordered by early caliphs. Abu Bakr apparently recommended toppling a wall on the culprit, or else burning him alive, while Ali bin Abi Talib is said to have ordered death by stoning for one sodomite and had another thrown head-first from the top of a minaret—according to Ibn Abbas, the latter punishment must be followed by stoning.

    There are, however, fewer hadith mentioning homosexual behavior in women;but punishment (if any) for lesbianism was not clarified.

    The hadith collection of Bukhari (compiled in the 9th century from earlier oral traditions) includes a report regarding mukhannathun, effeminate men who were granted access to secluded women’s quarters and engaged in other non-normative gender behavior:

    Narrated by Abdullah ibn Abbas: The Prophet cursed effeminate men; those men who are in the similitude (assume the manners of women) and those women who assume the manners of men, and he said, “Turn them out of your houses.” The Prophet turned out such-and-such man, and ‘Umar turned out such-and-such woman.

    — Sahih al-Bukhari, 7:72:774
    In hadiths attributed to Muhammad’s wives, a mukhannath in question expressed his appreciation of a woman’s body and described it for the benefit of another man. According to Everett Rowson, none of the sources state that Muhammad banished more than two mukhannathun, and it is not clear to what extent the action was taken because of their breaking of gender rules in itself or because of the “perceived damage to social institutions from their activities as matchmakers and their corresponding access to women”.

  • questi tentativi di interpretare il Corano in chiave gay-friendly sono ammirevoli ma il punto rimane: le tre religioni monoteiste condannano in un modo o nell’altro l’omosessualità. L’unica strada per garantire libertà a tutti è una progressiva marginalizzazione della religione dalla vita pubblica e politica, ne rimango convinto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *