La primavera delle riviste LGBT nel mondo arabo

Amici, è urgentissimo: abbiamo perso il controllo sul nostro sito: siamo stati piratati!“: l’appello dei redattori della prima rivista LGBTQ* tunisina, “GayDay Magazine!“, è arrivato alla rete degli attivisti per il diritto alla diversità sessuale in ambito arabo-musulmano subito dopo che hacker non identificati hanno sferrato l’ennesimo attacco al sito, entrando nell’account, modificando tutte le password e pubblicando un articolo in cui viene spiegato perché l’Islam condannerebbe l’omosessualità. Gli amministratori legittimi stanno cercando di riappropriarsi del sito, ma non si scoraggiano: “Rifaremo lo stesso lavoro da capo, se necessario, non ci arrenderemo“. D’altra parte sono abituati agli attacchi dei criminali informatici (Il grande colibrì), oltre che del governo tunisino (Il grande colibrì).

Il lavoro di “GayDay Magazine!”, iniziato poco più di un anno fa, è davvero importante non solo perché finalmente concede il diritto di parola alla comunità omosessuale tunisina, ma anche perché ha rappresentato un modello per i mediattivisti di altri paesi arabi. In questi giorni, ad esempio, è partito l’esperimento di “Aswat” (Voci), una nuova rivista LGBTQ* marocchina online che si affiancherà alla ben nota “Mithly“, che proprio ieri ha festeggiato il suo secondo compleanno.

Il primo numero di Aswat, che vuole “arricchire la comunità gay marocchina, gravemente emarginata, e dare voce agli omosessuali vittime di molestie e persecuzioni da parte della legge e della società“, affronta numerosi temi, dalle informazioni basilari sull’omosessualità al sesso sicuro, dalle stragi in Iraq (Il grande colibrì) alla sentenza della Cassazione italiana sul diritto alla vita familiare per le coppie dello stesso sesso (Il grande colibrì). La rivista ha già migliaia di lettori e i suoi redattori sono stati intervistati dai principali quotidiani marocchini e da Hit Radio, una delle stazioni più seguite nel paese.

Intanto anche in Sudan è attivo dal 9 febbraio un progetto che promette molto bene: Rainbow Sudan. Il sito, che ha ricevuto l’appoggio di Gay Middle East e l’importante pubblicità di PinkNews e GayNewsStar, ha un’impostazione molto più simile a quella tradizionale dei blog che delle riviste online, con numerosi articoli di approfondimento sul rapporto tra omosessualità e cultura arabo-islamica e sulla situazione dei diritti umani, LGBTQ* e non solo, in Sudan. Per capire sino in fondo il valore di questo progetto, occorre ricordare che il paese africano è uno dei sette stati che nel mondo puniscono l’omosessualità maschile con la pena di morte: insomma, scrivere di certi argomenti da Khartum rappresenta un atto di coraggio notevole…

Ed è proprio il coraggio di persone in situazioni così complesse e gli splendidi messaggi (“Il grande colibrì mi ha dato risposte a tante domande che mi tormentavano da tempo, è un sito eccezionale e l’ho consigliato come risorsa“) che testimoniano la voglia di incontrarsi e confrontarsi che ci spingono a portare avanti con passione e convinzione questo progetto. Per cercare di offrire un sito sempre più interessante ed utile, abbiamo deciso di rivoluzionarne uno dei pilastri: come potete constatare già oggi, la rassegna stampa non presenta più una serie di notizie riassunte, ma approfondisce un tema di attualità e, più sotto, segnala velocemente alcune notizie dall’Italia e dal mondo. Siamo ovviamente in attesa dei vostri giudizi, dei vostri consigli, delle vostre critiche e – perché no? – del vostro contributo.

RASSEGNA STAMPA
Cronaca. Sassari, giovane coppia filma un rapporto sessuale tra due uomini e poi li ricatta
Cultura. Le lobby gay negano realtà e libertà: i deliri dello psicanalista cattolico Mario Binasco
MOI. E’ uscito il libro “Le Coran et la chair” del nostro collaboratore Ludovic Mohamed Zahed
Mondo. Dopo la morte di Zamudio (iGC), anche l’ONU chiede al Cile una legge anti-omofobia
Movimento. L’Autre Cercle pubblica uno studio sulla doppia discriminazione etnica e sessuale
Politica. Al “responsabile” Massimo Calearo i baci gay fanno schifo, i soldi presi a sbafo no
Sessualità. Crollo dei finanziamenti per la lotta contro l’AIDS, con conseguenze catastrofiche

 

Pier
con il contributo di Zizou
Copyright©2012PierCesareNotaro
segui MOI Musulmani Omosessuali in Italia
Scritto da
More from Pier

Parlano di MOI, parliamo di noi (MOI Answers 6)

Cari musulmani omosessuali, prima di tutto complimenti per la vostra iniziativa coraggiosa...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *