Orgoglio militarista al Gay Pride di Londra? E’ polemica

esibizione acrobatica della royal air force
Esibizione acrobatica della Royal Air Force a Londra

Sarà accaduto a molti di partecipare ad un corteo sul quale volteggiava un elicottero dei carabinieri o della polizia. Non so a voi, ma a me raramente ha fatto un effetto rassicurante: dall’alto ti filmano, tuo malgrado (e passi, basta non fare scemenze), e dall’alto vogliono farti sentire sotto controllo, ti mettono sotto pressione, fanno sì che tu sia più docile con le forze dell’ordine che troverai per strada o a sbarrarti la strada. Naturalmente non tutti avranno le mie stesse sensazioni quando vedono un velivolo militare volteggiare sopra la propria testa. E a quanto pare ci sono anche molti entusiasti. Ma un velivolo militare è pur sempre un velivolo militare e quindi serve (ammesso che ci riesca) a mantenere la quiete e la pace anche sparando, se è il caso.

AEREI MILITARI SOPRA L’ARCOBALENO

Il fatto che elicotteri ed aerei militari possano sparare sulle persone e lo facciano, sia pure in genere non sulla popolazione pacifica che sta manifestando, dovrebbe essere una buona ragione per cercare di tenerli lontani da una parata che si batte per i diritti e che, come tale, dovrebbe difendere anche il diritto alla vita delle persone lontane su cui quei velivoli, invece, quotidianamente sparano.

Ora accade che il 25 giugno il Pride di Londra sarà sorvolato dallo squadrone acrobatico della Royal Air Force (l’aeronautica militare britannica; RAF), che manifesterà così il proprio sostegno alla causa della comunità lesbica, gay, bisessuale, transgender, queer e intersessuale e anche al personale LGBTQI delle forze armate [Royal Air Force], nella speranza che il passaggio delle Red Arrows (frecce rosse) sia salutato dalla gioia della manifestazione. Inoltre circa duecento militari, di diversi corpi, marceranno in divisa alla manifestazione.

L’INDIGNAZIONE DI MOLTI ATTIVISTI

Se da parte degli organizzatori e dei sostenitori della partecipazione militare alla parata c’è il legittimo sentimento di mostrare quali traguardi si siano raggiunti (un’uguaglianza tale che perfino l’esercito è arrivato a comprenderla e a condividerla) e quanto in meglio sia cambiata e diventata tollerante la società britannica [The Independent], molti attivisti sono perplessi, offesi, indignati o furibondi per questa discutibile scelta. Per esempio, Dan Glass, attivista di ACT UP, si lamenta degli onori dedicati alle divise militari: “Perché loro devono poter sfilare in testa al corteo e i medici del Servizio sanitario nazionale, di cui faccio parte, devono stare in fondo? Quando quelli della Campagna contro il commercio delle armi me l’hanno detto ho pensato che è ora di finirla”.

Symon Hill, rappresentante di Peace Pledge Union (Unione e impegno per la pace), osserva: “Il Pride è una marcia per i diritti umani. Una sana espressione sessuale concerne l’uguaglianza, il consenso e il reciproco rispetto. Il militarismo è fare ciò che ti viene detto. Le due cose non stanno insieme”. “Esorto gli organizzatori – continua Hill – a svegliarsi e a rendersi conto che stanno aiutando le forze armate e BAE Systems [società inglese del settore aerospaziale e della difesa, seconda più grande al mondo e prima in Europa; ndr] in un’operazione di pinkwashing della loro immagine. Naturalmente chi lavora nell’esercito dovrebbe essere benvenuto, ma senza marce in uniforme, passaggi aerei e loghi delle compagnie dei vari gruppi militari”.

LA PROTESTA DEGLI ANTI-MILITARISTI

Una manifestazione di protesta è stata organizzata martedì sera davanti al municipio di Londra. In una delle pagine Facebook che pubblicizzava l’evento campeggiava chiaro il messaggio che “in una giornata che ricorda e celebra le lotte coraggiose degli individui e della comunità LGBTQ contro l’oppressione e il violento pregiudizio passati e presenti, consideriamo profondamente offensivo che l’evento stia fornendo una base alla RAF per purificare la propria immagine e distogliere l’attenzione dal suo ruolo nell’esecuzione di obiettivi militari britannici in tutto il mondo, e dalla sofferenza umana che tali operazioni comportano” [The Guardian].

Di certo qualcuno rimpiangerà le polemiche dello scorso anno per l’eccessiva commercializzazione del Pride, ma non si può certo negare che – ancora una volta, e al di là dei possibili e stereotipati feticismi – la mescolanza tra esercito e diritti crei di natura un cortocircuito che in molti facciamo fatica a digerire. Sempre che sia possibile.

 

Michele
©2016 Il Grande Colibrì
Scritto da
More from Michele

Nigeria, se sei gay muori, se ti sposi 14 anni di galera

Le notizie di oggi: Famiglie LGBT, a Bologna i cattolici mostrano i muscoli...
Leggi di più

2 commenti

  • Ma forse è solo una misura di sicurezza messa in atto da un governo terrorizzato dal terrorismo, e che ha reagito così.
    Certamente non è la misura ideale, ma trovo stucchevole ideologizzare la vicenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *