Allarme Tunisia: ancora 10 arresti tra gli omosessuali

Giovedì scorso una retata della polizia in un appartamento del quartiere di El Omrane superiore, nella zona a nord-ovest di Tunisi, si è conclusa con un arresto di massa: secondo le fonti sentite da Il grande colibrì, sarebbero finite dietro le sbarre tra le 7 e le 10 persone, tra cui anche due donne. E tra gli arrestati ci sono sicuramente anche tre dei sei ragazzi di Qayrawan recentemente condannati per “sodomia” (a 3 anni di carcere in primo grado, a un mese in appello) a favore dei quali avevamo lanciato un mese fa una raccolta fondi [ilgrandecolibri.com]. Al momento non è ancora sicuro di quale reato siano accusate le persone fermate, ma con ogni probabilità si tratta nuovamente di accuse legate all’articolo 230 del codice penale, cioè alla sodomia, tenendo anche conto che alcuni dei giovani arrestati sono omosessuali molto “visibili” (hanno atteggiamenti “effeminati” e a volte si truccano).

UN ARRESTO ANCORA POCO CHIARO

Mentre scriviamo, tutte le persone fermate si trovano in un centro di detenzione provvisoria e non hanno ancora potuto incontrare un avvocato. E il futuro non promette niente di meglio: se il procuratore decidesse di convalidare l’arresto, sembra probabile che siano trasferite nel famigerato carcere di Mornaguia, un centro penitenziario a ovest della capitale che è generalmente considerato il peggiore di tutta la Tunisia. Se le violenze e gli abusi sono già stati gravissimi all’interno delle altre prigioni, come hanno raccontato i giovani arrestati [ilgrandecolibri.com] e come ribadisce un rapporto di Human Rights Watch [hrw.org], a Mornaguia si temono condizioni persino peggiori.

Le notizie purtroppo rimangono incerte e frammentarie. Sulla stampa locale, solo tunisia-live.net ha pubblicato un articolo, che però, secondo le nostre fonti, riporta informazioni largamente inaffidabili. Solo l’accusa di prostituzione (o di favoreggiamento della prostituzione) sembra credibile, dal momento che frequentemente è utilizzata per nascondere o per giustificare agli occhi dell’opinione pubblica internazionale delle persecuzioni dovute in realtà all’orientamento sessuale o all’identità di genere. Da questo punto di vista, sarebbe preoccupante se la Tunisia, democrazia nascente e speranza per il mondo arabo e per l’Africa, iniziasse a comportarsi come il regime egiziano, con arresti di massa, detenzioni poco chiare, accuse fumose.

PRONTI PER UNA MOBILITAZIONE?

E’ per questo che abbiamo deciso di pubblicare questo breve aggiornamento nonostante le informazioni siano ancora molto frammentarie: da un lato, vogliamo chiedere alle autorità tunisine maggiore chiarezza e garanzie sul rispetto dei diritti fondamentali delle persone arrestate, dall’altro vogliamo allertare il movimento LGBTQI (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali, queer e intersessuali) affinché possa essere pronto a una rapida reazione già nei prossimi giorni, quando potremo fornire dettagli più precisi.

 

Pier
Copyright©2016ilgrandecolibri.com
segui MOI Musulmani Omosessuali in Italia
Scritto da
More from Pier

India, lo spettacolo triste dell’omofobia a Bollywood

Il mondo dello spettacolo è spesso in prima linea nell’aiutare la società...
Leggi di più

1 commento

  • Mentre l'europa latita , come sempre. L'europa impone normative assurde ai suoi cittadini, ma quando si tratta di difendere i diritti umani ,anche a livello internazionale, ecco che latita. Ed intanto importiamo i prodotti da questo paese criminale…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *