Senior LGBT Italia, per invecchiare insieme gaiamente

Oggi le prime comunità visibili di gay, lesbiche, bisessuali e transessuali nel mondo stanno invecchiando e nascono nuove necessità e nuovi bisogni, anche perché spesso queste persone non hanno figli o partner“. La questione dell’invecchiamento delle persone omosessuali e transgender sta acquistando un’importanza e un’urgenza crescenti: affrontiamo questo tema con Jonathan Mastellari, attivista molto impegnato sui diritti delle persone LGBT migranti e da qualche mese coordinatore dei gruppi Senior LGBT Italia (facebook.com). “Crediamo che siano necessari un invecchiamento attivo e un dialogo tra le generazioni in una comunità di minoranza come la nostra, in cui l’avanzare dell’età fa paura e la perfezione fisica è sempre in prima pagina: è essenziale capire e affrontare i bisogni dovuti alla vecchiaia, alla malattia, alla solitudine, ma anche alla vita di tutti i giorni“.

In molti paesi occidentali, numerose realtà hanno iniziato a immaginare e realizzare risposte a queste “nuove” esigenze, come riassume Jonathan: “In alcune parti del mondo, come la Germania, la Spagna, i Paesi Bassi e gli Stati Uniti, lo stesso mondo LGBT e le compagnie private che forniscono servizi alla popolazione anziana, spesso anche con l’aiuto del settore pubblico, si stanno muovendo per fornire una risposta a questi bisogni. Si tratta soprattutto di progetti di assistenza da parte di volontari e volontarie a persone sole o della creazione di strutture di cohousing dove persone di diverse generazioni condividono spazi e servizi comuni aiutandosi nelle necessità reciproche“.

Anche in Italia qualcosa si sta muovendo: “Oltre al progetto di Lambda Torino che durante tutto l’anno scorso ha organizzato un corso di formazione sulla tematica, sono nati i gruppi Senior LGBT Italia a Modena, Bologna e Rimini. Ciascun gruppo, con le proprie modalità di organizzazione e di discussione, crea due volte al mese un momento di incontro e confronto su questi temi e inoltre organizza iniziative pratiche come proiezioni di film, convegni e progetti specifici per aprire il dibattito sull’invecchiamento LGBT sul territorio“. Jonathan coordina le iniziative dei gruppi, la comunicazione e la logistica, “ma in ogni gruppo una persona senior LGBT si occupa di condurre i volontari e di gestire i loro sforzi, di raccogliere le loro idee e di cercare di non far sprecare le loro forze“.

Inizialmente – racconta ancora Jonathan – il nostro progetto si chiamava Over55 LGBT, ma poi abbiamo pensato che le persone potenzialmente interessate potessero vivere come un limite il riferimento al 55, inteso come età“. I gruppi, infatti, non si rivolgono esclusivamente alle persone della terza o quarta età: “Qui si incontrano persone di qualsiasi età, orientamento sessuale e identità di genere: il nostro obiettivo è parlare di argomenti ancora fortemente tabù anche all’interno della nostra stessa comunità come l’invecchiamento delle persone LGBT e di quelle che non si dichiarano ma appartengono comunque alla comunità degli MSM (uomini che hanno o hanno avuto rapporti sessuali con altri uomini) e delle WSW (donne che hanno o hanno avuto rapporti sessuali con altre donne)“.

Per partecipare agli incontri di Senior LGBT Italia, per diventare volontari o volontarie o semplicemente per chiedere ulteriori informazioni, potete scrivere all’indirizzo email over55lgbt@gmail.com (mettendo in copia anche Jonathan: jonnymast@msn.com) o potete chiamare il numero di telefono 347-5592301.

 

Pier
Copyright©2014ilgrandecolibri.com
Scritto da
More from Pier

Diritti LGBT, le mille contraddizioni delle Filippine

Di fronte al massacro sommario che ha promosso in una lotta alla...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *