Tunisia e Italia: costruiamo un ponte per i diritti LGBT

Ponte Arcobaleno: solidarietà tra Tunisia e Italia

Dal paese di mio padre nelle giornate più limpide si vedono le coste dell’Albania. Dal paese di mio padre il mare sembra fatto apposta per essere attraversato. Il mare sembra fatto apposta per esaltare la meraviglia di quello che accade al di là del mare.

Nel 2011 ho conosciuto un ragazzo che vive al di là di un altro mare. Il suo nome è Badr, anche se il suo nome lo userà in pubblico solo qualche anno dopo, proprio su questo blog. Badr fa la rivoluzione. Sfida il coprifuoco per scrivere sui muri slogan contro l’omofobia e la povertà. Badr rischia la galera perché è omosessuale ma è pronto a rischiarla anche per difendere i più poveri.

Al di là del mare sono eroi.

Al di là del mare altri ragazzi in galera ci sono finiti davvero. L’articolo 230 del codice penale tunisino considera reato i rapporti omosessuali. Questi ragazzi sono finiti in galera perché mettono il rossetto. Hanno subito umilianti test anali, denunciati come tortura dall’ordine dei medici tunisino. Hanno subito abusi e violenze da parte di secondini e compagni di cella. E quando sono usciti di galera sono tornati a girare per le strade. Ancora con il rossetto. Li hanno aggrediti e picchiati. E loro sono tornati ancora per strada col rossetto sulle labbra.

Al di là del mare sono favolose.

Al di là del mare c’è gente che sta creando un mondo diverso. C’è un’avvocatessa, Fadoua Braham, che difende i ragazzi accusati di “sodomia”. C’è un attivista, Nadhem Oueslati, che con i suoi amici combatte contro il pregiudizio in DAMJ, l’Associazione tunisina per la giustizia e l’uguaglianza. E ci sono Ali di Mawjoudin (Esistiamo), Ramy di Without Restictions (Senza restrizioni) e tante e tanti altri.

Al di là del mare sono compagni di lotta.

Al di là del mare sono amici.

Perché al di là del mare le persone omosessuali sono cacciate dalle famiglie. Al di là del mare le persone omosessuali sono cacciate dal proprio condominio. Al di là del mare le persone omosessuali finiscono in prigione. Al di là del mare le persone omosessuali finiscono sotto un treno.

Kamal ha 20 anni. Paolo ne aveva 18.

Siamo tutti al di là di un mare. E ogni mare ha bisogno di essere attraversato. Non con i barconi in una direzione e con l’aereo delle vacanze nella direzione opposta, ma con un ponte, dove tutti possano andare e venire e incontrarsi e conoscersi da pari a pari.

Nel paese di mia madre c’è un ponte che chiamano il ponte degli amori. Chi si bacia in mezzo al ponte si amerà per tutta la vita.

È questo lo spirito che ci ha portati oggi a incontrare Fadoua e Nadhem, venerdì a Torino e sabato a Milano. E a lanciare il progetto Ponte Arcobaleno, un coordinamento tra realtà diverse del movimento LGBT (Associazione radicale Certi Dirtitti, CIG Arcigay Milano, IlGrandeColibri.com – Essere LGBT in Italia, Progetto IO – Immigrazioni e Omosessualità, Rompiamo il Silenzio Bergamo, oltre a singole persone). Abbiamo manifestato nelle piazze italiane contro la repressione omofobica in Tunisia. Abbiamo raccolto fondi per i ragazzi tunisini accusati di sodomia, arrestati e cacciati dalle famiglie. Abbiamo lanciato un appello insieme a gran parte del movimento LGBT italiano contro le incarcerazioni per sodomia.

Ora abbiamo lanciato una nuova raccolta fondi per pagare le spese legali dei ragazzi sotto processo e per sostenere chi è ancora in carcere. Potete fare una donazione con PayPal o tramite bonifico: è importante, è un modo per cambiare subito e davvero la vita delle persone, per contrastare subito e davvero l’ingiustizia che subiscono. In futuro vogliamo organizzare attività politiche e culturali insieme agli attivisti tunisini. Vogliamo farlo insieme a loro e insieme a voi. Prendeteci per mano, percorrete con noi questo Ponte Arcobaleno.

 

Pier
©2016 Il Grande Colibrì

Scritto da
More from Pier

Attentato islamista a Charlie Hebdo: le reazioni sul web

Cosa succederà dopo che un commando di fanatici islamisti ha ucciso dodici...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *