Bacio lesbico a Dubai, assolte le due italiane: sipario?

Le notizie di questa settimana:
1. Bacio lesbico a Dubai, assolte le due italiane: sipario?
2. Israele, Corte permette la cremazione dell’attivista trans
3. Cina, per i libri di testo l’omosessualità è una malattia
4. Australia, la prima coppia lesbica nella sezione “nozze”
5. Violenze domestiche nelle coppie lesbiche: è silenzio

Bacio lesbico a Dubai, assolte le due italiane: sipario?
Un bacio tra due donne può costare due mesi di carcere e l’espulsione da Dubai, negli Emirati Arabi Uniti: questa la sentenza che aveva coinvolto due italiane accusate di atti osceni in luogo pubblico dopo la denuncia di un cliente e l’intervento della polizia nel ristorante dove si sarebbe verificato il misfatto. Ma un buon avvocato può sempre trovare un rimedio: e così il bacio è diventato una pulizia della guancia dalla maionese che l’aveva sporcata. Pulizia con la lingua, ma sempre pulizia. Niente per cui scomodare la polizia, quindi. E assoluzione in appello per le due signore. Applausi. Sipario [agi.it].

Israele, Corte permette la cremazione dell’attivista trans
Il corpo di May Peleg, un’attivista transessuale israeliana di 31 anni, potrà essere cremato, come la giovane aveva disposto prima di suicidarsi. La Corte suprema ha infatti rigettato il ricorso della famiglia, di confessione charedì (ebraismo ultra-ortodosso), che chiedeva di poter seppellire il corpo della figlia, come tradizionalmente si usa. Secondo la corte, la volontà della persona defunta è più importante di quella di qualunque altra persona. La cremazione è vietata dalla legge ebraica tradizionale, ma sta diventando sempre più frequente tra gli ebrei librali e laici [forward.com].

Cina, per i libri di testo l’omosessualità è una malattia
Qiu Bai, una studentessa lesbica cinese di 21 anni, ha citato in giudizio le autorità educative statali contestando il modo in cui viene presentata l’omosessualità sui libri di testo ufficiali: malgrado la Cina abbia eliminato l’omosessualità nel 1997 dall’elenco delle malattie, i manuali la presentano ancora come un” disordine psicologico“, collegandola ad altre presunte “deviazioni” come transessualità, travestitismo, sadismo e feticismo. Secondo LGBT Rights Advocacy, “tra i 90 testi disponibili nelle biblioteche del Guangzhou, il 42% presente l’omosessualità come una malattia o una anormalità” [chinapost.com.tw].

Australia, la prima coppia lesbica nella sezione “nozze”
Mentre la discussione sul riconoscimento dei matrimoni tra persone dello stesso sesso è sempre più accesa in Australia, un quotidiano del Queensland, The Sunday Mail, ha deciso di pubblicare nella sua sezione dedicata alla nozze e alle nascite la fotografia di Lisa Bentley e Melissa McMurray, una coppia lesbica. Le due donne avevano inviato al giornale una fotografia della loro cerimonia di fidanzamento, ma si aspettavano di vederla pubblicata. Lisa ha commentato così: “Si è aperta una porta per il dialogo: credo davvero che si stia iniziando a spingere nella giusta direzione” [abc.net.au].

Violenze domestiche nelle coppie lesbiche: è silenzio
Vergogna, paura di essere giudicate, timore di non essere credute. Le donne che subiscono violenza all’interno di una relazione lesbica hanno le stesse remore ad alzare il ricevitore del telefono e a segnalare la cosa di quelle in una relazione eterosessuale. Ma hanno anche una ragione in più, perché nell’immaginario collettivo la violenza contro le donne è una prerogativa delle coppie eterosessuali ed è sempre esercitata dal maschio (come statisticamente rimane innegabile). Per questo spesso le violenze delle donne sulle donne non vengono nemmeno denunciate [francetvinfo.fr].

 

Michele
Copyright©2015ilgrandecolibri.com
Scritto da
More from Michele

Lo Zambia vieta l’omofobia (ma solo allo stadio)

La Federazione calcistica dello Zambia sta aggiornando il proprio statuto per inserire...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *