LGBT, ecco le mappe che mostrano un mondo sempre più diviso

accettazione delle persone LGBT nel mondo
Accettazione delle persone LGBT nel Mediterraneo

Ma da che parte sta andando il mondo? È una domanda che ci facciamo spesso quando parliamo di diritti delle minoranze sessuali e di accettazione delle persone LGBTQIA (lesbiche, gay, bisessuali, trans, queer, intersex e asessuali). C’è chi è ottimista, ricordando per esempio il numero crescente di stati che riconoscono il diritto al matrimonio per le coppie omosessuali. E c’è chi è pessimista, perché punta lo sguardo sulle persecuzioni crescenti nell’area ex sovietica e in molti paesi a maggioranza musulmana. La risposta giusta è che hanno tutti ragione: il mondo è sempre più diviso.

Il Williams Institute, l’istituto di ricerca dell’Università di California che studia le leggi e le politiche pubbliche relative a orientamento sessuale e identità di genere, ha creato un indice di accettazione delle persone LGBT e ha analizzato 141 paesi di tutto il mondo. La scoperta è che, dal 1980 a oggi, è cresciuta in maniera impressionante la polarizzazione: in altre parole, i paesi dove la diversità sessuale era già più accettata sono diventati ancora più aperti, mentre i paesi meno tolleranti sono sprofondati ancora di più nella loro avversione nei confronti delle minoranze.

Europa e America

L’Europa non solo è il continente che accoglie meglio la diversità sessuale, ma anche quello in cui questa accoglienza è cresciuta di più tra il quinquennio 2004-2008 e quello 2009-2013. Tutti i primi 14 paesi più LGBT-friendly sono europei (i primi 5 posti sono conquistati da Islanda, Paesi Bassi, Svezia, Danimarca e Andorra) e anche tutti e 5 i paesi dove l’apertura è cresciuta di più. Le cose non sono andate male neppure in Italia, passata dal 28° al 26° posto. Eppure non va tutto bene: nei Balcani, in Russia, in Ucraina e in Bielorussia l’accettazione è scesa.

accettazione delle persone LGBT nel mondo
Accettazione delle persone LGBT – anni 2004-2008
accettazione delle persone LGBT nel mondo
Accettazione delle persone LGBT – anni 2009-2013

In America lo stato più accogliente è l’Uruguay, 15° a livello mondiale. Nel continente l’accettazione per le minoranze sessuali in generale è rimasta stabile ed è cresciuta solo in 7 paesi: Argentina, Canada, Cile, Panama, Repubblica Dominicana, Stati Uniti e Uruguay.

Africa e Asia

Capo Verde è invece il paese dove le persone LGBT sono più accettate in Africa: il piccolo stato insulare è al 16° a livello mondiale. È anche l’unico stato del continente, insieme alla Namibia, ad aver registrato un miglioramento. La situazione, invece, è peggiorata in quasi tutti gli altri paesi ed è precipitata in particolare in Ghana e in Kenya.

In Asia, infine, il paese più LGBT-friendly sono le Filippine. Il più grande continente del mondo accoglie i 4 stati meno tolleranti, cioè, partendo dal peggiore, Azerbaijan, Georgia, Arabia Saudita e Bangladesh. Solo 4 stati hanno registrato miglioramenti: Filippine, Giappone, Israele e Taiwan. Altrove il peggioramento è stato particolarmente vistoso.

Pier Cesare Notaro
©2018 Il Grande Colibrì

Leggi anche:

Le 25 vignette satiriche LGBT più belle del mondo del 2017

La mappa dei diritti delle persone trans in Europa

 

More from Pier Cesare Notaro

Marocco, due arresti per “sodomia” durante il ramadan

Kariat Arekmane, nel Marocco nord-orientale, vicino al confine con l’Algeria, è famosa per...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *