Da Broadway al country, nuove note di amore lesbico

Voglio assaporare le labbra di lei / Sì, perché hanno il tuo sapore / Voglio annegarmi / In una boccetta del profumo di lei / Voglio i lunghi capelli biondi di lei / Voglio il tocco magico di lei / Sì, perché forse allora / Tu mi desidererai quanto desideri lei / Mi sono presa una cotta per una ragazza“. A cantare i versi di “Girl Crush” è una donna, Karen Fairchild (nella foto), della band country USA Little Big Town. E questo ha scatenato le polemiche. Anche se il brano in realtà racconta la gelosia di una donna per la nuova compagna del suo ex e il suo desiderio di diventare come lei per riconquistarlo, l’ambiguità dei versi ha spinto tanti ascoltatori a minacciare le radio di boicottaggio perché, diffondendo questa canzone, “promuoverebbero l’agenda gay”. E le minacce sono servite: nonostante sia quarta nelle vendite su iTunes, “Girl Crush” è crollata al 33esimo posto nei passaggi in radio (washingtonpost.com).

Ma, anche se il bigottismo ha ancora una volta dimostrato la propria forza, non bisogna essere pessimisti: gli attacchi a “Girl Crush”, in fondo, sono stati l’occasione per aprire un dibattito e molti artisti, fan e direttori di radio stanno mettendo in discussione la legittimità di certe posizioni oscurantiste. Insomma, anche la musica country, tradizionalmente più conservatrice, sembra pronta a fare importanti passi avanti.

E che dire dell’ancora più conservatrice musica norteña, una specie di liscio messicano? Lo storico gruppo californiano Los Tigres del Norte è stato anche premiato dalla GLAAD (Alleanza gay e lesbica contro la diffamazione) per “Era diferente“, brano che racconta l’amore di una adolescente nei confronti della sua migliore amica (glaad.org): “Dicono che il volo ideale sia colomba e colombo e gli sembra strana un’altra forma d’amore / Io penso solo che esistono correnti d’aria e che ognuno dovrebbe respirare il suo vento migliore / Lei era diversa e alla sua migliore amica regalava fiori / Lei era diversa, ma è così la vita di alcuni amori“.

E’ però soprattutto Broadway, la strada di New York che è la capitale mondiale del musical, a segnare l’evoluzione dei tempi: il 19 aprile debutterà allo Square Theatre “Fun Home” (gioco di parole tra “camera ardente” e “divertimento”), primo musical con una protagonista lesbica. Lo spettacolo è incentrato sulla vita di Alison e sul suo rapporto con il padre, Bruce, un omosessuale che gestisce un’agenzia di pompe funebri. Michael Cerveris, uno degli interpreti del musical, conosciuto in Italia per la partecipazione alla serie tv “Fringe”, non prevede problemi: “Credo che le persone possano identificarsi con le lotte di questi personaggi, con le loro dinamiche di famiglia, senza focalizzarsi esclusivamente sull’orientamento sessuale di Alison o di Bruce” (reuters.com). E allora, buon ascolto a tutti!

 

Pier
Copyright©2015ilgrandecolibri.com
Scritto da
More from Pier

Racconti erotici in formato digitale: ecco lite editions

“Per la prima volta nella sua giovane vita, Elias sperimentava il piacere...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *