Sesso, genere e omosessualità: i pregiudizi del Libano

Manifestazione per i diritti LGBT di Proud Lebanon

Probabilmente tutti a scuola abbiamo avuto almeno un compagno che diceva: “Non ho problemi con i gay finché se ne stanno per i fatti loro”. Può apparire una forma di disinteresse o persino di rispetto, ma in realtà è la spia della discriminazione. Ed è proprio questo approccio ad emergere con forza dall’importante e significativa indagine, con circa 1200 intervistati, condotta da quattro associazioni libanesi: l’Arabian foundation for freedom and equality (AFE; Fondazione araba per la libertà e l’uguaglianza), il Gender and Sexuality Resource Center (GSRC; Centro risorse sul genere e la sessualità), Helem e Marsa. Il titolo del rapporto, finanziato dall’Unione Europea e dalla fondazione statunitense Arcus, non a caso ha come titolo: “Finché se ne stanno lontani: esplorare gli atteggiamenti libanesi nei confronti delle sessualità e delle identità di genere” [A.F.E.].

GAY? SI NASCE, MA ANCHE SI DIVENTA

Malgrado una minoranza ridotta, ma non inconsistente, esprima nei confronti di gay e trans propositi bellicosi (voglia cioè picchiarli o ucciderli), la stragrande maggioranza pensa che l’omosessualità e la transessualità siano sbagliate e che le leggi dovrebbero scoraggiare queste “tendenze”, considerandole pericolose per la società. In una cultura profondamente maschilista (il sesso fuori dal matrimonio è sbagliato per il 73,6% degli intervistati se a “tradire” è la moglie, mentre la percentuale scende al 49,4% se è il marito ad essere fedifrago), l’indagine non mostra grandi differenze nel trattare gay e lesbiche, mentre la percentuale di persone disposte a una sorta di empatia aumenta nei confronti delle persone transgender.

La ricerca mette a nudo anche gli stereotipi (i gay sono percepiti dalla maggioranza del campione come tutti effeminati e le lesbiche come tutte mascoline) e la confusione che regna su omosessualità e transessualità: anche se il 68,1% degli intervistati ammette che si è omosessuali per condizione genetica, il 56,8% afferma che è il risultato di una scelta. E il 79% degli intervistati afferma di considerare l’omosessualità una malattia.

sesso omosessuali Libano

Riguardo al transgenderismo, confuso spesso con il travestitismo, la convinzione assoluta (97,5%) è che “Dio ha creato solo due sessi”, mentre un uomo che indossa abiti femminili sarebbe un pervertito (87%), così come lo sono le donne che indossano abiti maschili (80,5%). Più tolleranza invece nei confronti del cambio di sesso, accettabile per il 54,6% se c’è una ragione medica o biologica/ormonale, ma solo per l’11,3% se fosse frutto di una scelta personale.

sesso transessuali Libano

UNA RICERCA, QUATTRO ASSOCIAZIONI

AFE è un’organizzazione che supporta i gruppi di attivisti di base e le organizzazioni che lavorano su un ampio raggio di iniziative, relative anche a diritti umani, salute sessuale e genere. Il GSRC è un programma di AFE che mira a colmare le lacune di conoscenza su genere e sessualità producendo fonti di informazione in arabo: è un centro di coordinamento che riunisce attivisti, accademici e ricercatori, che lavorano e studiano in Medio Oriente e in Africa settentrionale.

Helem (che in arabo significa “sogno”, ma è anche l’acronimo di “Protezione per le persone LGBTQ) è un’organizzazione no profit libanese che lavora per migliorare lo status giuridico e sociale delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender e queer: è il più antico gruppo nel mondo arabo a fare attivismo a favore delle persone LGBT in modo ufficiale. Marsa è un centro di salute sessuale con sede a Beirut, capitale del Libano, operativo ufficialmente dal febbraio 2011: il suo scopo è fornire in modo riservato e anonimo servizi relativi alla salute sessuale, offerti in un ambiente amichevole e privo di stigmatizzazione e discriminazione in base a età, sesso, genere o orientamento sessuale.

 

Michele
©2015 Il Grande Colibrì
Scritto da
More from Michele

Ricordate in tutta Italia le vittime del razzismo

Ieri pomeriggio si sono svolte in numerose città italiane manifestazioni dedicate alla...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *