Madrid, la metro si pente e regala abbonamenti ai trans

Il turismo gay ogni anno porta in Spagna oltre 6 miliardi di euro ed è in costante crescita [diariosur.es]. Le principali mete dei vacanzieri LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transgender) sono le isole Baleari e Canarie, Barcellona e soprattutto Madrid, che ogni anno solo per il suo Pride, il secondo più grande al mondo, accoglie 200mila persone, con un giro d’affari superiore ai 120 milioni di euro. Secondo Juan Carlos Alonso, segretario dell’Associazione di imprenditori e professionisti LGBT (AEGAL) il successo di Madrid si fonda su “una combinazione perfetta tra alti livelli di tolleranza e normalizzazione, che sono fondamentali, e un’ampia offerta specializzata per la comunità” [hosteltur.com]. E con una presenza di coppie omosessuali proporzionalmente superiore a qualsiasi altra città spagnola [reis.cis.es], Madrid si afferma senza sforzi come capitale LGBT d’Europa. Ma non come un paradiso.

ABBONAMENTI CONTRO L’ESCLUSIONE

Nonostante i suoi “alti livelli di tolleranza e normalizzazione“, anche a Madrid si registrano episodi di discriminazione e violenza contro le persone LGBT: nel 2016 sono già tre le aggressioni a LGBT denunciate nella capitale spagnola [cromosomax.com]. Ad essere colpite sono soprattutto le persone transgender. Partendo da questa constatazione, la metropolitana di Madrid ha deciso di “contribuire a migliorare l’ambiente sociale” e “la normalizzazione e l’accesso alle pari opportunità per la comunità transessuale” con un gesto molto semplice: ha donato 38 abbonamenti all’Associazione spagnola di transessuali Transexualia [transexualia.org]. Ma questo gesto merita un po’ di attenzione, perché non tutto è filato nel migliore dei modi e gli aspetti meno edificanti della vicenda possono suscitare riflessioni interessanti.

Quando parlo di aspetti meno edificanti non mi riferisco alle prevedibili polemiche che sono scaturite dall’annuncio – per esempio, María Menéndez, presidentessa dell’Associazione delle famiglie numerose di Madrid (AFND), sostiene, con un ragionamento poco ragionevole, che la decisione sia la prova che l’azienda dei trasporti discriminerebbe i nuclei familiari con molti figli e accusa: “Bisogna cambiar sesso per andare in metropolitana a Madrid” [pyme10.com]. E il sito cattolico integralista enraizados.org ha persino lanciato una petizione per denunciare il fatto che “nella capitale il trasporto sarà gratuito per i transessuali, ma per te e per me no“. Ma non sono tanto queste le questioni che meritano più attenzione. Facciamo invece un piccolo salto indietro nel tempo…

L’IMPEGNO CONCRETO DOPO LE PROTESTE

A gennaio dell’anno scorso scoppia uno scandalo: il sindacato di sinistra Unione Generale dei Lavoratori (UGT) denuncia che Metro di Madrid chiede ai suoi impiegati di controllare il biglietto in particolar modo ai musicisti, ai mendicanti, ai venditori ambulanti… e agli omosessuali. Il responsabile sindacale Teófilo Piñuelas annuncia che i lavoratori si rifiuteranno di fare discriminazioni [cadenaser.com], il movimento LGBT protesta vivacemente. L’azienda di trasporti, nell’imbarazzo più totale, definisce “gravissima” la propria stessa circolare e annuncia l’apertura immediata di un’inchiesta interna [elmundo.es]. E poco dopo sospende il responsabile del servizio di sicurezza e l’impiegato autore del documento.

Ma non sono questi i risultati che il movimento LGBT pretende: non gli interessa la testa di qualche lavoratore ignorante, vuole un “impegno concreto” più ampio. E lo ottiene: ad aprile del 2015 Metro di Madrid lancia una grande campagna contro l’omofobia, la transfobia e la bifobia, con affissioni sui mezzi di trasporto pubblici e banner pubblicitari sul sito web [elplural.com]. E ora annuncia il dono simbolico di abbonamenti gratis per alcune persone transgender. Insomma, anche le aziende possono cambiare. E il percorso che Metro di Madrid ha fatto potrebbe essere quello da pretendere quando si denunciano gli atteggiamenti discriminatori di un’azienda anche in Italia.

 

Pier
Copyright©2016ilgrandecolibri.com
Scritto da
More from Pier

Ghana: 3 lezioni dalla foto virale del rapporto gay

“Un uomo di 28 anni è stato scoperto con i pantaloni abbassati...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *