giovedì 17 aprile 2014

Presidenziali in Algeria: l'arcobaleno è ancora lontano

Manifestazione per la democrazia di algerini a Marsiglia
Marcovdz (CC) - Condividi su: Facebook - Twitter - Seguici su: Facebook - Twitter
Iscriviti ai feed - Scrivici a mail@ilgrandecolibri.com
Clicca qui per leggere tutte le notizie dall'Algeria
Leggi anche tutte le notizie
da più di 120 paesi
Oggi l'Algeria si prepara a vivere delle elezioni ad alta tensione. I protagonisti di questa scadenza fanno temere giorni difficili e disordinati nel futuro di questa Algeria dal passato pesante. Succede così che l'attuale presidente della repubblica Abdelaziz Bouteflika, al potere già da quindici anni, ambisca ad un quarto mandato sotto le critiche di una società civile che è scesa per le strade e che non vuole più stare a tacere. D'altra parte, tanto gli attacchi dell'opposizione sull'omosessualità del fratello del presidente quanto il populismo dei programmi politici proposti non lasciano alcun dubbio sull'avvenire della comunità LGBT (lesbica, gay, bisessuale e transgender) algerina.

mercoledì 16 aprile 2014

Le Sentinelle in piedi si dividono. E attaccano il papa

Manifestazione a Parigi contro il riconoscimento delle nozze gay
Ericwaltr (CC) - Condividi su: Facebook - Twitter - Seguici su: Facebook - Twitter
Iscriviti ai feed - Scrivici a mail@ilgrandecolibri.com
Clicca qui per leggere tutte le notizie dall'Italia
Leggi anche tutte le notizie
da più di 120 paesi
L'edicolante, mentre racconta la scena a cui ha assistito, non riesce a nascondere la sorpresa: "Ho pensato che fosse una candid camera, era tutto troppo strano". Un gruppo di uomini ha acquistato tutte le copie del settimanale "Il mio papa", poi le ha sparpagliate sull'acciottolato di piazza San Pietro e le ha abbondantemente cosparse di acqua. "Acqua santa", hanno spiegato ai passanti sbigottiti. "A quel punto hanno tirato fuori degli accendini e hanno cercato di appiccare un incendio, ma la carta bagnata non prendeva fuoco". Gabriella, una pensionata che si stava recando a pregare, è molto amareggiata: "Papa Francesco è così buono, come possono odiarlo?". Ad averla sconcertata è stato soprattutto un particolare: "Con loro c'era un bimbo, doveva avere l'età di mio nipote. A un certo punto ha chiamato suo padre: 'Papà, papà!'. Il genitore si è voltato verso di lui, con uno sguardo disgustato, e l'ha cacciato via".

domenica 13 aprile 2014

Leccare sul retro: ecco i francobolli di Tom of Finland

Francobollo con immagini erotiche gay di Tom of Finland: coppia
©posti.fi - Condividi su: Facebook - Twitter - Seguici su: Facebook - Twitter - Iscriviti ai feed - Scrivici a mail@ilgrandecolibri.com
Proprio mentre negli Stati Uniti si attende con impazienza la pubblicazione - come annunciato nello scorso autunno - di un francobollo celebrativo di Harvey Milk, primo politico apertamente omosessuale a ricoprire una carica pubblica in California negli anni '70 (huffingtonpost.com), dalla Finlandia arriva un'altra notizia legata al mondo postale e alla realtà LGBT. Ma questa volta l'annuncio appare incredibile. Il sito delle poste del paese scandinavo annuncia infatti che, a partire dall'8 settembre prossimo, inizierà ad essere pubblicata una serie di francobolli dedicata ai maggiori artisti finlandesi: Touko Laaksonen, Sami Saramäen, Jaakko Tähden, Kristina Segercrantz e Olavi Hankimo (posti.fi).

Fumetti - Il dilemma della barba (Gay Some! 25)

Fumetti gay online - Gaysome! 25 : Il dilemma della barba
DongSaeng (CC) per il grandecolibri.com - Traduzione di Pier
Condividi su: Facebook - Twitter - Seguici su: Facebook - Twitter
Iscriviti ai feed - Scrivici a mail@ilgrandecolibri.com
Clicca qui per leggere tutti i fumetti di DongSaeng

sabato 12 aprile 2014

Arabia e Egitto: islamisti o "laici", ma sempre omofobi

Ragazzi giocano a calcio sulla spiaggia di Jeddah
Yasser Zareaa (CC) - Condividi su: Facebook - Twitter - Seguici su: Facebook - Twitter
Iscriviti ai feed - Scrivici a mail@ilgrandecolibri.com
Leggi tutte le notizie dall'Egitto
Leggi anche le notizie da: Arabia Saudita,
Kirghizistan, Libano, Senegal e Turchia
Voce troppo bassa, musica troppo alta: il presidente statunitense Barack Obama ha lasciato da pochi giorni l'Arabia Saudita, per una visita nel corso della quale non ha fatto in tempo (sic!) a parlare di diritti umani (ilgrandecolibri.com), ed ecco che un nuovo arresto di massa colpisce gli omosessuali (o, più correttamente, uomini presunti tali). I residenti del quartiere As-Samer di Jeddah, disturbati dal volume troppo alto della musica proveniente da uno stabilimento balneare, hanno chiesto l'intervento della Commissione per la promozione della virtù e la prevenzione del vizio, la polizia religiosa alle dirette dipendenze di re Abd Allah nata per imporre il rispetto dell'interpretazione oscurantista della sharia tanto cara al regime saudita. La Commissione ha scoperto una festa in cui alcuni uomini indossavano abbigliamento femminile e ha arrestato 35 persone (alweeam.com.sa).

mercoledì 9 aprile 2014

Matrimoni gay, nuovi divieti negli stati ex-sovietici

Matrimoni gay, nuovi divieti negli stati ex-sovietici
Sasha Kargaltsev (CC) - Condividi su: Facebook - Twitter - Seguici su: Facebook - Twitter
Iscriviti ai feed - Scrivici a mail@ilgrandecolibri.com
Clicca qui per leggere tutte le notizie dalla Russia
Leggi anche le notizie da: Estonia, Georgia,
Norvegia, Perù, Regno Unito, Romania
Nel nuovo millennio tutta l'area che è stata sotto l'influenza sovietica, dall'Europa orientale all'Asia centrale, è spazzata dal vento gelido di omofobia che spira dalla Mosca neo-imperiale di Vladimir Putin... Tutta? No! Un piccolo stato baltico resiste ancora e sempre. O almeno così si spera. In Estonia, infatti, in queste settimane una commissione che riunisce partiti di maggioranza e di opposizione sta scrivendo una proposta per il riconoscimento delle coabitazioni omosessuali ed eterosessuali che, secondo le previsioni, dovrebbe diventare legge prima di luglio (err.ee). In confronto a molti paesi dell'Europa occidentale, non si tratterebbe certamente di una legge all'avanguardia, ma, se si considera che la Romania il mese scorso ha bocciato un progetto analogo (mediafax.ro), sarebbe comunque una buona notizia.