venerdì 29 maggio 2015

La Tunisia autorizza ufficialmente un'associazione LGBT

La Tunisia autorizza ufficialmente un'associazione LGBT
Condividi su: Facebook - Twitter - Seguici su: Facebook - Twitter
Iscriviti ai feed - Scrivici a mail@ilgrandecolibri.com
Tutte le notizie LGBT dalla Tunisia
Leggi anche le notizie
da più di 120 paesi
17 maggio, Giornata internazionale contro l'omofobia e la transfobia. Periferia di Tunisi. Sulla facciata di un hotel sventola la bandiera tunisina e, accanto, quella arcobaleno della comunità LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transgender): il movimento per i diritti delle minoranze sessuali in Tunisia, dopo l'esperimento riuscitissimo dei due Pride di marzo (ilgrandecolibri.com), non si nasconde più. All'interno si alternano gli interventi degli attivisti di Shams (Sole), associazione nata tre anni fa, e di molte personalità della società civile (donne e uomini dello spettacolo, artisti, docenti universitari, giornalisti, femministe, protagonisti della rivoluzione...). Tutti chiedono il rispetto dei diritti umani di tutti e denunciano le discriminazioni, l'odio, la distorsione del messaggio pacifico ed egualitario dell'islam. Tutti parlano dichiarando il proprio nome e cognome: la paura non è svanita, ma non è più indomabile.

giovedì 28 maggio 2015

Matrimoni gay, la Chiesa cattolica litiga... finalmente!

Matrimoni gay, la Chiesa cattolica litiga... finalmente!
Condividi su: Facebook - Twitter - Seguici su: Facebook - Twitter
Iscriviti ai feed - Scrivici a mail@ilgrandecolibri.com
Tutte le notizie LGBT dal Vaticano
Leggi anche le notizie
da più di 120 paesi
Le dichiarazioni del cardinal Kasper ("Se c'è un'unione stabile, degli elementi di bene esistono senz'altro, li dobbiamo riconoscere, però non possiamo equiparare al matrimonio"), che correggono le parole estemporanee ("Credo che si possa parlare non soltanto di una sconfitta dei principi cristiani ma di una sconfitta dell’umanità"; avvenire.it) con cui il Segretario di Stato Pietro Parolin ha corretto le dichiarazioni fatte dal primate delle chiesa d'Irlanda Diarmuid Martin ("La Chiesa deve fare i conti con la realtà"; rte.ie) dopo il risultato del referendum che ha visto gli irlandesi dire sì ai matrimoni omosessuali, mi spingono a pensare che la Chiesa cattolica stia vivendo un passaggio simile a quello che, verso la fine del XX secolo, ha vissuto la Comunione anglicana quando, negli anni Novanta, ha dovuto affrontare il tema dell'accoglienza degli omosessuali dichiarati.

martedì 26 maggio 2015

#NoteDagliIslam. Palmira: il fallimento dell'Occidente

#NoteDagliIslam. Palmira: il fallimento dell'Occidente
Condividi su: Facebook - Twitter - Seguici su: Facebook - Twitter
Iscriviti ai feed - Scrivici a mail@ilgrandecolibri.com
Leggi la rassegna stampa settimanale su islam e musulmani
Leggi la rassegna stampa settimanale
su islam e musulmani
Le notizie di questa settimana:
ISIS - Perché è importante la caduta di Palmira
Siria - Non demonizzare i combattenti sunniti
Bin Laden - La biblioteca del capo di Al-Qaida
Algeria - La battaglia web contro la minigonna
Israele - Gerusalemme cancella i palestinesi

lunedì 25 maggio 2015

Violenze e divieti: attacco agli eventi gay nell'ex-URSS

Violenze e divieti: attacco agli eventi gay nell'ex-URSS
Condividi su: Facebook - Twitter - Seguici su: Facebook - Twitter
Iscriviti ai feed - Scrivici a mail@ilgrandecolibri.com
Tutte le notizie LGBT dal Kirghizistan
Leggi anche le notizie da
Lettonia, Kazakistan e Russia
L'emergenza diritti umani in Russia e nei paesi vicini che hanno approvato - come Mosca - una legislazione contro le persone LGBT ed il loro diritto a parlare pubblicamente, sembra dimenticata, anche se nulla indica un cambio di rotta nelle politiche omofobiche dell'ex-URSS. A dimostrare che la situazione è tutt'ora d'emergenza ci pensa soprattutto il Kirghizistan, dove già nello scorso aprile il gruppo di attivisti Labrys era stato attaccato con un attentato dinamitardo che solo per un caso non aveva avuto vittime (ilgrandecolibri.com). Nei giorni scorsi, una trentina di attivisti LGBT si sono riuniti in un bar a Bishkek per celebrare la giornata mondiale contro l'omofobia, quando i componenti di due movimenti anti-gay (Kalys e Kyrk Choro) hanno fatto irruzione nel locale prendendo di mira gli attivisti con insulti, spinte e minacce come "Non ne uscirete vivi, dovete tutti bruciare! Non ve la caverete!".

domenica 24 maggio 2015

sabato 23 maggio 2015

#Lesbomadario. Queste nozze non sono una canzone

#Lesbomadario. Queste nozze non sono una canzone
Condividi su: Facebook - Twitter - Seguici su: Facebook - Twitter
Iscriviti ai feed - Scrivici a mail@ilgrandecolibri.com
Leggi la rassegna stampa settimanale sulle donne LBT di tutto il mondo
Leggi la rassegna stampa settimanale
sulle donne LBT di tutto il mondo
Le notizie di questa settimana:
Italia - Nozze gay, TAR annulla annullamento
Singapore - Nozze gay, censurata la canzone
Africa - Stupri "correttivi" contro le lesbiche
Stati Uniti - Lesbiche nere, la battaglia sul web
Cinema - Una nonna lesbica e la nipote trans