sabato 28 maggio 2016

"Ultimo giro al Guapa": la primavera queer di Haddad

"Ultimo giro al Guapa": la primavera queer di Haddad
Condividi su: Facebook - Twitter - Seguici su: Facebook - Twitter
Iscriviti ai feed - Scrivici a mail@ilgrandecolibri.com
Leggi anche tutte le notizie
sulla cultura
Avete mai provato la felicità di ritrovarvi con uno sguardo nuovo, di vedere cose mai viste prima eppure riconoscerle, come se stessero lì ad aspettare di incontrarvi per avvolgervi con il loro carico dirompente e tumultuoso di emozioni e significati? E' una felicità dolorosa diventare l'altro, è un dolore gioioso indossare la carne dell'altro e sentirne tutto il peso. Succede quando si stringe un legame con persone in carne e ossa, ma anche - più raramente - quando si leggono alcuni libri. Saleem Haddad, scrittore di origini iracheno-libano-palestino-tedesche di cui abbiamo pubblicato qualche tempo fa un interessante articolo [ilgrandecolibri.com], ci regala i suoi occhi nel suo romanzo di esordio "Ultimo giro al Guapa" (E/O 2016, 18€, 320 pp.). E ci dona uno sguardo di profonda intelligenza e di una sincerità così nuda e completa da diventare spesso assai scomoda.

venerdì 27 maggio 2016

Orgoglio militarista al Gay Pride di Londra? E' polemica

Orgoglio militarista al Gay Pride di Londra? E' polemica
Condividi su: Facebook - Twitter - Seguici su: Facebook - Twitter
Iscriviti ai feed - Scrivici a mail@ilgrandecolibri.com
Tutte le notizie LGBT dal Regno Unito
Leggi anche le notizie
da più di 130 paesi
Sarà accaduto a molti di partecipare ad un corteo sul quale volteggiava un elicottero dei carabinieri o della polizia. Non so a voi, ma a me raramente ha fatto un effetto rassicurante: dall'alto ti filmano, tuo malgrado (e passi, basta non fare scemenze), e dall'alto vogliono farti sentire sotto controllo, ti mettono sotto pressione, fanno sì che tu sia più docile con le forze dell'ordine che troverai per strada o a sbarrarti la strada. Naturalmente non tutti avranno le mie stesse sensazioni quando vedono un velivolo militare volteggiare sopra la propria testa. E a quanto pare ci sono anche molti entusiasti. Ma un velivolo militare è pur sempre un velivolo militare e quindi serve (ammesso che ci riesca) a mantenere la quiete e la pace anche sparando, se è il caso.

mercoledì 25 maggio 2016

Regno Unito, i pericoli della legge anti-pornografia

Regno Unito, i pericoli della legge anti-pornografia
Condividi su: Facebook - Twitter - Seguici su: Facebook - Twitter
Iscriviti ai feed - Scrivici a mail@ilgrandecolibri.com
Tutte le notizie LGBT dal Regno Unito
Leggi anche le notizie
da più di 130 paesi
Un uomo è stato indagato perché possedeva un'immagine di un ragazzo che faceva sesso indossando un costume da tigre. Un personaggio piuttosto noto, avvocato e consigliere del sindaco di Londra, è finito davanti ai giudici per colpa delle fotografie scattate durante un sex party in cui si praticava il fisting (penetrazione anale con la mano) e si usavano sonde uretrali (tubicini metallici che vengono introdotti nell'uretra). E' stato assolto grazie alla testimonianza di alcuni esperti, ma intanto i dettagli della sua vita sessuale sono stati spiattellati davanti a sconosciuti e sono finiti sui giornali. E non sono casi isolati: secondo i dati ufficiali storie simili capitano a più mille persone ogni anno. Non stiamo parlando di un lontano paese in preda a un'ondata di integralismo religioso, ma del Regno Unito e della lotta senza quartiere che da qualche anno il governo conduce contro la "pornografia estrema".

martedì 24 maggio 2016

Test anali: l'omosessualità impressa nel buco del culo?

Test anali: l'omosessualità impressa nel buco del culo?
Condividi su: Facebook - Twitter - Seguici su: Facebook - Twitter
Iscriviti ai feed - Scrivici a mail@ilgrandecolibri.com
Tutte le notizie LGBT dalla Tunisia
Leggi anche le notizie
da più di 130 paesi
Può succederti in Camerun, in Egitto, in Kenya, in Libano, in Turkmenistan, in Uganda e in Zambia. E anche in Tunisia. La polizia ti porterà da un medico, che ti farà entrare nel suo studio, ti farà spogliare, poi ti dirà di metterti sul lettino. Dovrai restare piegato a 90 gradi, a pancia in giù o a quattro zampe: dipende da chi ti è capitato in sorte. Poi il dottore inizierà a infilarti nell'ano un dito, diverse dita, strani oggetti metallici. Con uno speculum ti spalancherà il buco. Osserverà, palperà, toccherà. Non saprai quali indizi starà cercando, perché ognuno ne cerca di diversi. Sentirai dolore, perché non avrà nessun riguardo. Sentirai umiliazione, perché tutto questo avverrà contro la tua volontà. Sentirai paura, perché da questo assurdo esame dipenderà il tuo futuro: se secondo il medico nel tuo ano è entrato un pene, finirai in galera, tra le violenze di secondini e compagni di cella.

lunedì 23 maggio 2016

Rifugiati e LGBT, tra omonazionalismo e islamofobia

Rifugiati e LGBT, tra omonazionalismo e islamofobia
Condividi su: Facebook - Twitter - Seguici su: Facebook - Twitter
Iscriviti ai feed - Scrivici a mail@ilgrandecolibri.com
Tutte le notizie LGBT dall'Algeria
Leggi anche le notizie
da più di 130 paesi
Pubblichiamo la denuncia di due intellettuali gay algerini, Ludovic-Mohamed Zahed (imam, ricercatore e collaboratore di ilgrandecolibri.com) e Zak Ostmane (giornalista), su omonazionalismi e islamofobia.

In questi tempi bui, in cui dobbiamo affrontare l'avanzata al tempo stesso dei nazionalismi e degli estremismi religiosi su entrambe le sponde del Mediterraneo, non bisogna soccombere alla tentazione del fascismo totalitario. Sono sempre più numerosi i sociologi specializzati nello studio delle società e delle comunità arabo-musulmane a constatare (da una parte e dall'altra, come in uno specchio) come stiano avanzando le identità fascisticheggianti, prese in ostaggio tra la paura dello straniero "barbarico" e la paura dell'"impuro" venuto dall'Occidente.

venerdì 20 maggio 2016

La Giornata contro l'omofobia in Tunisia è un successo

La Giornata contro l'omofobia in Tunisia è un successo
Condividi su: Facebook - Twitter - Seguici su: Facebook - Twitter
Iscriviti ai feed - Scrivici a mail@ilgrandecolibri.com
Tutte le notizie LGBT dalla Tunisia
Leggi anche le notizie
da più di 130 paesi
Come tutti gli anni, anche questo 17 maggio il mondo ha celebrato la Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia (IDAHOBIT). La Tunisia ha celebrato questa giornata con numerosi incontri e numerose attività organizzate da diverse associazioni. Quest'anno è segnato da una recrudescenza di omofobia e di arresti [ilgrandecolibri.com], che tuttavia non ci ha frenato, ma anzi è un motivo in più per ampliare la lotta contro questo flagello e ci dà più energia utile a dare ancor più legittimità alle azioni che stiamo portando avanti. Il Collectif pour les libertés individuelles (Collettivo per le libertà individuali) ha ottenuto un successo molto importante quest'anno: con le sue 31 associazioni partner, questa organizzazione ombrello ha festeggiato il 17 maggio con la presenza notevole di più di 120 persone in uno spazio molto conviviale della capitale Tunisi.