Gay perseguitati in Cecenia: i media siano più responsabili

agenti di polizia davanti a una caserma cecena
Polizia cecena davanti a una caserma dopo un attentato

Cosa sta succedendo davvero in Cecenia? I titoli degli articoli non lasciano spazio a dubbi: dopo le prime notizie sugli arresti di decine e decine di presunti omosessuali e l’uccisione di tre di loro [Il Grande Colibrì], ora si sarebbero scoperti campi di concentramento di stile nazista in cui sarebbero imprigionati i gay. Eppure molti fattori consiglierebbero più prudenza, dalla gravità delle accuse al clima molto propenso alle strumentalizzazioni, fino a evidenti debolezze nelle fonti. Soprattutto, è assolutamente necessario non sbandare nel sensazionalismo e mantenere un atteggiamento il più responsabile possibile perché non si tratta di vendere articoli, ma di cercare di salvare vite. Proviamo allora a fare il punto della situazione.

La denuncia si basa su due articoli di Novaya Gazeta: il primo, pubblicato il 3 aprile [Novaya Gazeta], racconta che più di 100 uomini, accusati di essere omosessuali, sarebbero stati arrestati dalla polizia cecena ricostruendo i loro rapporti tramite le app di incontro gay. Il giornale racconta anche che almeno tre persone sarebbe state uccise. Il 5 aprile Novaya Gazeta ha pubblicato il secondo articolo, in cui ha raccolto tre testimonianze di persone su quella che definisce una “repressione di massa di ceceni sospettati di avere un orientamento omosessuale”: i presunti gay sarebbero stati rapiti illegalmente dalla polizia, derisi, umiliati, torturati, violentati con oggetti e rilasciati solo dopo il pagamento di enormi riscatti.

Il giornale è piuttosto autorevole e le informazioni, anche se si basano per ragioni ben comprensibili su testimonianze anonime, non solo sono state smentite in modo ben poco convincente dal governo ceceno, ma sono state anche confermate da Ekaterina L. Sokiryanskaya dell’International Crisis Group (Gruppo di crisi internazionale; ICG) e da Human Rights Watch (Osservatorio dei diritti umani; HRW), che ha scritto: “Le informazioni pubblicate da Novaya Gazeta sono coerenti con i rapporti che HRW ha ricevuto recentemente da numerose fonti attendibili, comprese fonti sul territorio. Il numero delle fonti e la coerenza delle storie ci lascia senza alcun dubbio che questi sviluppi devastanti si siano davvero verificati”.

La prima risposta dei media e delle associazioni è stata generalmente molto seria e prudente, seguendo lo stile scelto dagli stessi attivisti russi della Rossiyskaya LGBT-set’ (Rete LGBT russa): con grande fermezza si sono chieste indagini sulla situazione e si sono condannate le parole gravissime con cui il governo ceceno ha scaricato le accuse e giustificato i “crimini d’onore” in cui gli omosessuali sono uccisi dai loro stessi familiari.

L’associazione ha anche raccolto altre testimonianze, riportate sempre nel secondo articolo di Novaya Gazeta, in cui si parla di decine di persone recluse nella stessa stanza, insieme a presunti terroristi e a consumatori di droghe, o torturate in capanni abbandonati, alcune sparite nel nulla, altre consegnate alla famiglia con l’obiettivo di farle uccidere dai parenti.

Poi, però, la situazione è sfuggita di mano. Già il 5 aprile il blog russo Ixtc aveva pubblicato un articolo dal titolo “Ramzan Kadyrov [primo ministro ceceno; ndr] ha aperto campi di concentramento per gay in Cecenia”, ripreso poi il giorno dopo dal blog statunitense Window on Eurasia con il titolo “Kadyrov apre il primo campo di concentramento per gay dai tempi di Hitler”.

I titoli raccontano già quello che si sostiene nel testo degli articoli: Novaya Gazeta avrebbe svelato l’esistenza di campi di concentramento in cui sarebbero rinchiusi gli omosessuali. La realtà è diversa: il giornale non parla mai di campi di concentramento, ma solo di una prigione segreta aperta in una ex caserma di Argun, una cittadina di quasi 30mila abitanti nella Cecenia centrale. E occorre sottolineare con forza che sia il blog russo sia il blog americano sostengono di avere come propria unica fonte gli articoli di Novaya Gazeta, attribuendogli però informazioni che non contengono.

Insomma, rispetto ai due articoli del giornale russo non ci sono ulteriori informazioni e al momento non ci sono neppure motivi validi per pensare che esistano campi di concentramento in Cecenia. Questa idea è un’aggiunta, al momento priva di giustificazioni, nata presumibilmente per drammatizzare ancora di più una vicenda già molto tragica che purtroppo ha buone probabilità di essere vera: evidentemente per qualcuno una prigione segreta, decine di rapimenti e di torture, tre omicidi non sono “abbastanza drammatici”.

Il quotidiano scandalistico inglese Daily Mail è il primo grande mezzo di informazione a riprendere questa nuova idea, con un articolo dal titolo: “La Cecenia apre il primo campo di concentramento per omosessuali nel mondo da quelli di Hitler negli anni ’30; gli attivisti dicono che lì i gay sono torturati con l’elettroshock e uccisi di botte”. L’articolo sostiene che “un report di Novaya Gazeta afferma che le autorità hanno istituito molti campi in cui gli omosessuali sono uccisi e costretti a promettere di abbandonare il paese”. Peccato che, appunto, il giornale russo non parli proprio di campi di concentramento.

L’idea, però, vende bene e quindi affascina un po’ tutti. Tra i media gay, il primo a rilanciare la presunta “novità” è Pink News: “La Cecenia ha aperto campi di concentramento per uomini gay”. E sulla stessa scia seguono siti, blog, media e associazioni di mezzo mondo, che neppure si rendono conto che stanno riportando come propria fonte gli stessi articoli di cui già avevano parlato qualche giorno prima, facendogli ora dire cose nuove e diverse. Non manca chi decide di drammatizzare ulteriormente, moltiplicando questi presunti campi, aggiungendo dettagli per farli sembrare “più nazisti”, inventando traduzioni farlocche da Novaya Gazeta.

E in un mondo dell’informazione basato sul copia-traduci-incolla senza la minima verifica e senza il minimo senso critico, passa non solo l’informazione campata in aria, ma anche il concetto che questi presunti campi di concentramento sarebbero i primi dai tempi di Hitler. Nessuno ricorda la Cina, la Cambogia o l’ex Yugoslavia? Nessuno si accorge di quello che succede in Birmania, in Corea del Nord o a Guantanamo? Per limitarsi alla persecuzione degli omosessuali, nessuno ha sentito parlare di Cuba e delle sue Unidades Militares de Ayuda a la Producción (Unità militari di aiuto alla produzione)? Forse qualcuno, ma infilare Hitler nel titolo paga di più.

In Cecenia probabilmente la situazione è estremamente drammatica e delicata. Per questo bisogna cercare di affrontarla con enorme fermezza, ma anche con grandissima responsabilità. Come fanno i principali appelli online, da quello di AllOut a quello di Amnesty International, per esempio. Gran parte dei media, invece, ha scelto di diffondere titoli sensazionalistici e notizie prive di fondamento, che rischiano di screditare completamente anche le informazioni che invece sono presumibilmente vere. Parlare di “campi di concentramento” aumenta i lettori, ma diminuisce la credibilità e la forza della denuncia in Cecenia e in Russia. E mina ogni tentativo di incidere su circostanze già troppo tragiche.

 

Pier
©2017 Il Grande Colibrì

N.B.: il 12 aprile 2017 è stato modificato da “Lager per gay in Cecenia? Storia di una notizia irresponsabile” a “Gay perseguitati in Cecenia: i media siano più responsabili” per rendere più chiaro il contenuto dell’articolo. Nessuna modifica è stata apportata al testo dell’articolo stesso.

Scritto da
More from Pier

Racconti erotici in formato digitale: ecco lite editions

“Per la prima volta nella sua giovane vita, Elias sperimentava il piacere...
Leggi di più

23 commenti

  • Vi dico soltanto una cosa.
    Un mio collega giornalista (moderatamente filorusso) mi ha appena linkato il vostro pezzo e mi ha trionfalmente detto che “qualcuno dice che queste notizie sulla Cecenia siano una balla e non è vero che i gay vengono perseguitati”.

  • Arabia Saudita e paesi del golfo, stretti alleati Usa, non vi dicono nulla? Nessuno si chiede come mai non viene imbastita nessuna campagna internazionale su quelle realtà? I primi a non accettare di farsi strumentalizzare dovrebbero essere proprio i gay.

  • quindi fatemi capire: la sola reazione del governo che dichiarerebbe “qui non esiste quel genere di persone, e se esistessero le famiglie non esiterebbero a mandarli dove non possano tornare”
    questa risposta, che pare sia parte della fonte che ritenete verificata, unite alla notizia dell’esistenza di prigioni i cui si rinchiudono e torturano persone che non hanno commesso alcun crimine, e in cui si sono verificate tre morti, perché si usa la parola “campi di concentramento” (non vedo la differenza dalle prigioni, sinceramente e neanche questa differenza mediatica: un campo di concentramento è un area in cui si concentrano tutti gli appartenenti a una certa aliquota di popolazione, quindi anche tecnicamente non veod differenze) giustificherebbe chi cassa la notizia come bufala e passa oltre..?

    • Cassandra, scusami tu: ma hai letto almeno due righe dell’articolo? E avevi letto anche l’articolo precedente sulla Cecenia? Perché se lo hai fatto la tua domanda non ha proprio il minimo senso.

  • Non sono d’accordo con quanto espresso da questo articolo; a mia opinione se le parole “campo” e “concentramento” servono ad accendere i riflettori e a puntare l’interesse pubblico su una situazione drammatica che altrimenti passerebbe inosservata, ben venga.
    Ciò che trovo davvero irresponsabile invece, è realizzare un articolo come questo, dove con la dialettica si cerca di buttar acqua su un fuoco che, in questo caso, va alimentato, ossia quello dell’indignazione, delle interrogazioni parlamentari, della memoria, dei corsi e ricorsi storici.

    Detto questo, e cambiando argomento, trovo altrettanto irresponsabile la scelta del font “channel” (con due “n”) per la composizione tipografica del logo della vs testata web… è un font dozzinale, del tutto gratuitamente reperibile sul web, inflazionato e soprattutto conferisce, per ciò che mi riguarda, un’aurea di infondatezza da giornalino scolastico alle vs notizie.
    Grazie.

    • Accendono i riflettori su una notizia togliendole credibilità. Bell’affare.
      Con la Russia si continuano a ripetere gli stessi errori, e la situazione continua a peggiorare.

  • Ma scusate “egregissima redazione de IlGrandeColibri”… la differenza dove sta? Non è inumano allo stesso modo?

    • Mi auto copio-incollo da un commento precedente.

      Ci sono due notizie, ugualmente gravi.
      La prima notizia è che alcune persone sono imprigionate, torturate e a volte uccise in una prigione segreta. La seconda che è alcune persone sono imprigionate, torturate e a volte uccise in campi di concentramento.
      La prima notizia sembra decisamente plausibile. La seconda non ha elementi su cui fondarsi e si fonda su alcuni falsi evidenti.
      La prima notizia mette in imbarazzo il governo russo, tanto da costringerlo a promettere indagini. La seconda permette alle autorità di strumentalizzare l’informazione errata per liquidare tutto come una bufala e insabbiare tutto.
      Ora è un po’ più chiara la differenza?

  • In generale sarei d’accordo con la prudenza, ma francamente anche dopo il vostro commento io questa differenza non la vedo. La prima notizia può essere insabbiata come una bufala altrettanto facilmente.

    • Dopo la prima notizia il governo di Mosca, in grande imbarazzo, ha promesso di avviare indagini. Dopo la seconda derubrica tutto sempre più esplicitamente come “pesce d’aprile”. Io la differenza la vedo eccome.

      • In questi giorni circolano varie petizioni. Quella di Amnesty International, che parla in maniera circostanziata di “delitti di onore” e imprigionamenti, l’ho firmata. Quella di Avaaz, per esempio, invece no. Ciò perché condivido appieno lo spirito dell’articolo: la nostra indignazione dev’essere incanalata in maniera efficace e non deve compromettere il lavoro delle associazioni più accreditate, rischiando di comprometterne la credibilità.

        • La richiesta di non parlare di “campi di concentramento” è arrivata anche da Amnesty International, tramite Alexander Artemyev, media manager dell’organizzazione per Russia e Asia centrale.

  • “Questa idea è un’aggiunta, al momento priva di giustificazioni, nata presumibilmente per drammatizzare ancora di più una vicenda già molto tragica che purtroppo ha buone probabilità di essere vera: evidentemente per qualcuno una prigione segreta, decine di rapimenti e di torture, tre omicidi non sono “abbastanza drammatici”.”

    Fare una corretta informazione non vuol dire sminuire la realtà dei fatti… Questo articolo dà a Cesare quel che gli spetta senza togliere nulla alla gravità di ciò che sta succedendo.

    • Il continuo ricorso al sensazionalismo produce proprio questo: tutto quello che non è caricato di fronzoli urlati viene percepito come non grave. E quindi ci troviamo in un discorso morale in cui dire che alcune persone sono state imprigionate, torturate e a volte uccise in una prigione segreta e non in campi di concentramento equivarrebbe a dire che non è successo nulla. E in un discorso morale in cui urlare la propria indignazione per una violenza ha la priorità sull’efficacia dell’azione di protezione delle vittime di quella stessa violenza. Personalmente lo trovo molto grave.

  • Patrizia, Gianuario, ci sono differenze? Cosa cambia?
    Ci sono due notizie, ugualmente gravi.
    La prima notizia è che alcune persone sono imprigionate, torturate e a volte uccise in una prigione segreta. La seconda che è alcune persone sono imprigionate, torturate e a volte uccise in campi di concentramento.
    La prima notizia sembra decisamente plausibile. La seconda non ha elementi su cui fondarsi e si fonda su alcuni falsi evidenti.
    La prima notizia mette in imbarazzo il governo russo, tanto da costringerlo a promettere indagini. La seconda permette alle autorità di strumentalizzare l’informazione errata per liquidare tutto come una bufala e insabbiare tutto.
    Ora è un po’ più chiara la differenza?

  • Mah, 100 persone arrestate in una settimana solo perché omosessuali a me sembra un “campo di concentramento” , che poi i morti siano “solo” 3 e il “campo” sia costituito da una serie di caserme distanziate tra loro, non vedo che cambi.

  • Grazie mille! Adesso sto molto più serena: sono ‘solo’ prigioni dove torturano e uccidono persone…effettivamente i campi di concentramento sono totalmente diversi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *