martedì 9 agosto 2011

Piacere assicurato: il sesso orale e l'HIV/AIDS

Bear succhia un lecca lecca al Pride di Parigi del 2006
Juliette (CC) - Condividi su: Facebook - Twitter - Seguici su: Facebook - Twitter
Iscriviti ai feed - Scrivici a mail@ilgrandecolibri.com
Una bocca femminile molto sexy
Luís Vieira (CC)
Leggi tutte le notizie di sessualità
Splende il sole in cielo, ribollono gli ormoni sulla terra. Complice la stagione, i vestiti che si accorciano, le inibizioni che si sciolgono (soprattutto se in vacanza lontani da casa...) e la rilassatezza delle vacanze, l'estate è il tempo in cui gli incontri sessuali si fanno più facili e frequenti. Come le nuove infezioni da malattie sessualmente trasmissibili (MST)...

Ok, non ti offendi se questo articolo non lo leggo, vero? Non m'interessa: io faccio solo pompini - si può dire qua o siamo in fascia protetta?

Va bene, se usi il preservativo salta pure la lettura! Dunque, dicevamo che...

Il preservativo? Ma se ti ho detto che faccio solo pompini - e ancora non mi hai detto se si può dire o no... Non esiste neppure un caso accertato di infezione da HIV per via orale, tanto è vero che ho appena consultato wikipedia.org e parla di penetrazione vaginale e anale, ma non accenna proprio al sesso orale!

E sbaglia: anche se è molto diffusa la convinzione che il sesso orale non protetto non sia una pratica a rischio, non è affatto impossibile la trasmissione del virus HIV durante una fellatio...

La fellatio sarebbe il pompino, giusto?

Sì, esatto. Dicevo: la trasmissione dell'HIV durante un rapporto orale (fellatio o cunnilingus) non protetto è decisamente meno probabile che durante una penetrazione anale o vaginale senza preservativo, ma probabilità più basse non significa probabilità nulle! Gli studi scientifici stimano che il 6-8% delle infezioni per via sessuale sono avvenute durante un rapporto orale. E poi non dimenticare che, oltre all'HIV ci sono altre malattie sessualmente trasmissibili come la sifilide, l'herpes, la gonorrea, l'epatite B e altre ancora... tutte trasmissibili con un rapporto orale!

Cazzo, che brutte notizie! E' lo sperma che trasmette tutte queste malattie, vero? Per fortuna che non mi piace ingoiare: io sputo sempre!

Poco importa se sputi lo sperma dopo l'eiaculazione: è il semplice contatto tra la parte interna della tua bocca e lo sperma di una persona infetta da qualche MST ad essere rischioso per la tua salute...

Allora d'ora in poi non mi farò più venire in bocca!

In realtà anche il liquido pre-spermatico può trasmettere le MST, anche se con probabilità molto basse: il pre-sperma può anche contenere tracce di sperma... Inoltre, nel caso in cui dovessi succhiare un ragazzo che ha fatto sesso da poco con un'altra persona o se dovessi praticare una fellatio durante un rapporto di gruppo, tieni conto che sul pene possono essere rimaste tracce di sperma, di sangue o di feci.

Ma quindi il sesso orale è una pratica a rischio?

Se non protetto, sì. Per questo è meglio usare sempre il preservativo, anche per i rapporti orali. Esistono anche i condom ultra-sottili, che non devono essere utilizzati per la penetrazione (sono troppo fragili!), ma che garantiscono ottime sensazioni nel sesso orle e a volte hanno sapore di frutta...


Ma per favore! I preservativi al gusto di fragola o banana hanno gusti disgustosi! E quelli "normali", ormai, sono quasi tutti pre-lubrificati! Sii realista: nessuno usa il condom per un pompino!

Ognuno, in un rapporto consenziente, è libero di fare quello che vuole, anche di usare o non usare il preservativo. Basta conoscere gli eventuali rischi che si corrono e decidere insieme se correrli o meno. Comunque, se proprio vuoi praticare sesso orale su qualcuno senza protezione, tieni conto che piccole ferite o afte in bocca o gengive sanguinanti aumentano i rischi. Una buona igiene orale, insomma, riduce i rischi, ma comunque non li elimina!

D'accordo! Allora mi laverà i denti prima e dopo ogni pompino!

Questa non è una buona idea! In generale, cerca di avere una buona igiene orale, ma è meglio se lasci la bocca "tranquilla" prima e dopo il sesso orale: lavandoti i denti potresti procurarti piccole lesioni, soprattutto alle gengive. Meglio lasciar perdere anche i collutori, che riducono le protezioni naturali della bocca e ne rendono momentaneamente più deboli le mucose.

Forse ha ragione un mio amico: lui si fa venire in bocca, ma poi si fa subito i gargarismi con la vodka o con la Coca Cola per uccidere virus e batteri...

La Coca Cola bevila pure, male non fa, anche se non serve proprio a niente nella prevenzione contro le MST! Neppure i super-alcolici servono, anzi, hanno gli stessi effetti negativi dei collutori. Insomma, se non vuoi correre rischi, evita qualsiasi contatto tra lo sperma e la parte interna della tua bocca e basta!

Mi hai messo troppa paura: non succhierò più nessuno, farò solo l'attivo!

A parte che anche a fare l'attivo puoi correre qualche rischio (se chi ti succhia ha piccoli tagli in bocca o ha succhiato altre persone prima e ha ancora tracce del loro sperma in bocca), ma perché dovresti rinunciare a qualcosa che ti procura piacere?

In fondo è sufficiente usare il preservativo! Ma, se proprio non vuoi il condom e vuoi limitare i rischi per la tua salute, basta seguire poche semplici regole: 1) avvisa i tuoi partner di uscire prima dell'orgasmo, in modo da evitare contatti tra lo sperma e l'interno della tua bocca; 2) asciuga il glande dei tuoi partner con un fazzolettino o con un lembo di vestito prima di ingoiarlo, per eliminare il liquido pre-spermatico in eccesso; 3) evita di succhiare gli altri durante incontri sessuali di gruppo dove qualcuno ha rapporti non protetti; 4) divertiti e goditi il piacere del sesso!

In effetti le regole sono semplici, ma magari seguirle ti rovinano la gioia del pompino: ti devi concentrare sulle regole e non sulle sensazioni!

Ma figurati! Le regole sono molto semplici e seguirle ti permette di stare tranquillo e rilassato, mentre l'angoscia e la paura delle malattie possono essere un ostacolo al piacere. Ricordati che la quarta regola è quella più importante e che, proprio per seguirla con serenità, è importante rispettare anche le altre!


Pier
Copyright©2011ilgrandecolibri.com

63 commenti:

  1. MA QUELLO CHE SCRIVE L'ARTICOLO CHI è UN MEDICO O UN CIARLATANO? ... I MALATI DI HIV IN COSTANTE AUMENTO, E L'AIDS è IL DECORSO FINALE..NON CI SONO CURE PURTROPPO MA SOLO FARMACI PER VIVERE UN PO DI PIU.. LA FELLATIO HA UN RISCHIO COMUNQUE PERCHè L'HIV è PRESENTE NEL PRE-SPERMA E PRESENTE NEL LIQUIDO VAGINALE...SI ATTACCA ATTRAVERSO MUCOSE...CHI RISCHIA?? UNO STUPIDO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ignorante che non sei altro. il virus hiv è un virus vettoriale, che si trasmette attraverso il trasporto del virus presente in un liquido verso un accesso (ferita, lesione) del ricevente.
      altro discorso vale per altre malattie infettive come la sifilide, in cui bsta il contatto tra mucose.
      il pre sperma non contagia con l'hiv.
      leggi le nuove normative sanitarie svizzere. hanno tolto tra i rapporti a rischio il sesso orale senza eiaculazione in boca.

      Elimina
  2. @ anonimo: Che il sesso orale comporti un rischio anche senza eiaculazione mi sembra che sia spiegato in modo molto chiaro nell'articolo. Che battere sul chiodo della paura e della criminalizzazione di chi rischia sia solo controproducente credo che sia ampiamente dimostrato proprio dal costante aumento dei malati di HIV. Proviamo a puntare invece sulla responsabilizzazione, sulla comprensione dei bisogni delle persone e anche delle loro debolezze?

    E' chiaro - e chiaramente detto nell'articolo - che il preservativo è la scelta più sicura, ma dal momento che gran parte delle persone non userà comunque il preservativo nel sesso orale non è meglio aiutarle a ridurre comunque i rischi? O preferiamo fare le anime belle e rassicurarci con la divisione tra gli stupidi che rischiano (peggio per loro?) e gli intelligenti che usano il condom?

    p.s.: se vogliamo proprio puntare esclusivamente sull'assoluta eliminazione dei rischi e consideriamo tutto il resto ciarlataneria, dovremmo essere coerenti e predicare l'astinenza. Anche il preservativo riduce moltissimo i rischi, ma non li elimina del tutto. Lanciamo la crociata contro il sesso o proviamo a informare e responsabilizzare chi lo fa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un articolo stupendo, hai centrato a pieno il lavoro che è doveroso intraprendere. Sono in Croce Rossa da tempo ormai e facciamo campagne preventive alla popolazione tutto l'anno. Quello che è scritto in questo articolo A TITOLO INFORMATIVO PER CERTA GENTE è corretto e lo stile secondo me è quello giusto. Ho solo un appunto, capisco il perché delle regoline finali (se proprio lo devi fare prova così che hai meno rischio) però secondo me così passa il messaggio che in quel modo posso spompinare quanto mi pare che tanto basta asciugare il glande e non farmi venire in bocca, mentre invece sappiamo bene che anche il liquido pre-spermatico non esce solamente in un frangente, ma in diversi momenti rendendo vano il tentativo iniziale di asciugarlo. Quindi forse avrei concluso in maniera differente, pensaci su. Questo non denigra affatto lo splendido lavoro e ripeto SPLENDIDO a tutti i simpaticoni che devono criticare per il gusto di farlo. Adieu.

      Elimina
    2. Sono sempre io, avrei concluso in questa maniera forse. O comunque seguendo questa linea: "In fondo è sufficiente usare il preservativo! Non devi mica usarlo tutta la vita, solo nel sesso occasionale. Se stai con un ragazzo ed entrambi avete fatto il test e siete negativi, potete darvi alla pazza gioia l'importante è che rispettiate due principi base: 1) FEDELTA' al partner (se entrambi non siete infetti, e siete fedeli, non correte alcun rischio), 2) Se avete avuto un COMPORTAMENTO A RISCHIO (sesso orale o completo con altre persone, taglio con siringhe, contatto con sangue di altre persone su una vostra ferita o su mucose come bocca, occhi) dovete avere il coraggio di parlarne con il vostro partner ed andare a fare il test, nel frattempo potete ovviamente farlo con il preservativo non ti chiedo l'astinenza!"

      Elimina
  3. Quante cagate sull'aids, provate a informarvi presso qualche medico c.d.oppositore dell'aids (anche su iternet). Oppure basta inserire la parola AIDS su U-tube ed ecco che spuntano centinaia di testimonianze di HIV in perfetta salute da decenni (e non x i farmaci certamente) In bocca al lupo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, anonimo, guardando "U-tube" si può guarire da qualsiasi malattia. Pensa che, quando mi è morto il criceto, l'ho messo davanti ad un video di "U-tube" ed è resuscitato...

      Elimina
  4. Anonimo , non capisci un c........ e dici solo cretinate; tu fai quello che ti pare ma non pretendere che gli altri credano a ciò che dici. I rischi nel rapporto orale esistono, saranno bassi, ma esistono!

    RispondiElimina
  5. anche guidare l'auto e' pericoloso...rischiate di morire in un incidente con piu probabilita' che di adis eppure tutti guidano tranquilli. Ho un amico che usa sempre il preservativo ma fuma 2 pacchetti al giorno di sigarette..non morira' di aids ma di cancro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora perché non bere la candeggina? Tanto, a questo punto...

      Elimina
  6. anonimo: a parte il fatto che oggi l'hiv è sotto controllo, nel senso che i malati di hiv che, intendiamoci bene non è aids; con la terapia assunta giornalmente arrivano ad avere la carica virale a zero, cioe quasi non si trovano traccie del virus nel sangue; comunque è bene avere rapporti protetti in tutti i casi, anche se le probabilita di un contagio con una persona a carica virale zero sono ridottissime : la stima è 1 su 2500 casi

    RispondiElimina
  7. Io facendo un pompino ho preso l´hiv e facendone un altro ho preso l´epatite B. Lo sperma non l´ho mai toccato, solo il liquido prespermatico.

    Non sapevo fossero pratiche a rischio, l´ho scoperto dopo.

    Le persone che stanno bene senza farmaci esistono ma sono meno dell´1% della popolazione.

    Uno puo´ non saperlo. Oppure puo´ essere sotto pressione o disperato ed esporsi al rischio consapevolmente.

    Sono daccordo col puntare alla responsabilizzazione senza trinciare giudizi che deresposabilizzano chi li da´ e chi li ascolta

    La prevenzione non e` solo profilassi. E´ consapevolezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. o sei un fake o sei ultra sfigato
      il liquido pre spermatico non contagia.

      Elimina
    2. poi scrivi: con un pompino ho preso l'hiv, con l'altro ho preso l'epa b.
      ma come fai a sapere che con uno hai preso una malattia e con l'altro hai preso l'altra malattia? non puoi averle prese tutte insieme?

      Elimina
  8. ragazzi sn troppo giu'...ho avuto nella mia vita due soli rapporti a rischio
    60gg fa ho fatto un pompino e ho leccato l'ano a un ragazzo a casa sua(niente gang,niente sperma,e lui era molto asciutto)
    45gg fa lo rincontro e mi fa un pompino e mi lecca l'ano sempre a casa sua
    ho fatto il test a 50 gg dal primo incontro e a 35 dal secondo incontro
    test anticorpi/antigene esito negativo
    lo devo rifare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, se ti fa sentire più tranquillo. Il test non fa male a nessuno :-)

      Elimina
    2. poraccio. quel ragazzo ha avuto solo 2 rapporti nella sua vita, facendo nulla di rischioso, e tu assecondi le sue paure infondate.

      ci vuole la neuro in questo blog, non volontari hiv.

      Elimina
  9. La presidente della LILA, lega italiana lotta aids, che è HIV+ ad un'intervista a Le Iene affermò che il rapporto orale è un rischio teorico, così come il premio nobel che ha scoperto il virus disse che è un rischio teorico anche farsi starnutire addosso da un sieropositivo. Due eccessi diversi quindi. Non vedo però perché il presidente di un'associazione tanto importante dovrebbe in tv, in un programma seguito al 90% dai giovani, dire cazzate. Visto che concluse l'intervista dicendo che basta non farsi arrivare in bocca e che nel liquido pre-spermatico c'è una quantità di virus non sufficiente per un contagio.

    Così come un altro rischio teorico, baciare una persona che ha la sifilide, io l'ho presa (la sifilide) con un rapporto orale ricevuto, ed il luminare da cui sono andato mi ha chiarito che questi rischi teorici restano teorici. Mi meraviglio che in questo articolo non sia stato fatto come esempio anche l'ipotesi di un pompino con il preservativo, con un sieropositivo schizofrenico, che morde con denti limati il lattice e ci contagia. E' un rischio teorico giusto? Visto che lo 0,7% delle persone è schizofrenica. Chiudiamoci nei monasteri.

    Vincenzo

    RispondiElimina
  10. Scusate ma quindi se un ragazzo lecca la vagina anche se è lavata che succede?

    RispondiElimina
  11. Ciao! Mi permetto di scrivere due righe...
    Io non mi stancherò mai di dire: usate il preservativo SEMPRE se non siete sicuri di chi avete davanti (e questa sicurezza solo un esame del sangue può darla, quindi se proprio non volete chiedere all'altra persona i risultati dell'esame prima di farci sesso, beh, almeno conoscetela nel tempo prima di lasciarvi andare...).
    Sul sito preservativimigliori.com ho scritto diversi articoli dedicati al sesso orale e all'uso del preservativo, consiglio anche quelli che sono i preservativi consigliati per questo genere di rapporto (alcuni dicono che fare un pompino con il profilattico è atroce, in realtà se si prova non è così! Ci sono preservativi aromatizzati che lo rendono anche più eccitante!)... Insomma, meglio sfatare i tabù e pensare alla salute propria e del partner anche quando lo si fa via "bocca" ;)

    RispondiElimina
  12. Salve a tutti.
    Io ho sempre usato il profilattico per per il sesso....2 anni fa' una ragazza mi ha fatto 2 o 3 pompini....senza profilattico....gli sono venuto in bocca e lei ha bevuto il mio sperma....io non ho leccato nulla...dopo il rapporto mi sono fatto sempre una doccia....

    ho paura che mi sono preso qualcosa.... ma non ho fatto nessun test per HIV da 2 anni.....6 mesi fa' ho fatto un controllo del sangue...perche' mi dava fastidio il petto...ho fatto la lastra e controllo pressione....tutto era normale..nessun problema.

    Dovrei fare il test per HIV ?

    Ho un'po paura....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le probabilità sono molto basse, ma se hai timore perché non fare il test? Anche solamente per essere più tranquillo :)

      Elimina
  13. i gay fanno schifo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perche' i gay ti fanno schifo? A noi gay ci piace il cazzo..cosa c'e' di male?

      Elimina
  14. io ho corso un grande rischio tre mesi fa ho avuto due rapporti orali non protetti e per di più ho ingoiato devo andare a fare il test ma ho troppa paura del risultato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso capire le difficoltà nel seguire ciò che il buon senso che tt avete per colpa di quei 4 ormoni scalpitanti...( dato che molto probabilmente mi stò rivolgendo a ragazzi giovani). Mi permetto di darvi un paio di consigli dall' "alto" della mia esperienza (purtroppo tale da poter sapere più che presumere).
      Ottima scelta quella di non fare il test ( tanto se mi sono beccato qualche cosa che mai cambierebbe?) non cambierebbe nulla con un test negativo.... se invece l'ipotetica infezione risultasse non essere poi tanto ipotetica .... basterebbe aspettare che i cd4 siano ad un livello talmente basso che ......... va be andate a cercare che sono i cd4 e a che servono!
      OK OK ....i due consigli .... non credete a tt quelle baggianate della rete che afferma l'hiv non esiste, è solo un mezze x vendere farmaci! Io fossi in voi starei almeno sul dubbioso e mi comporterei come se esistesse con tt ciò che ne consegue.... prevenzione ma MOLTO più importante informazione (lila asa poliniformativo loghiva ministero della salute MTS ecc ecc ).
      Il secondo .... vivete la sessualità con serenità con attenzione e senza sciocche paure.. la mamma vi ha fornito di un cervello funzionante un bel pò prima che vi funzionasse il pisello!
      INFINE........ RAGAZZI COL SESSO IN GENERE CI SI DIVERTE ( MA SAPPIATE CHE SI PUò PUR SOFFRIRE ) FATE SESSO FATENE TANTO E POSSIBILMENTE FATELO CON AMORE (CHE è TANTO MEGLIO) .... VIA LE PAURE AVANTI LA CONOSCENZA

      Elimina
  15. se una ingoia ma non ha nessun taglio in bocca può essere stata infettata se lui e sieropositivo?? rispondete vi prego

    RispondiElimina
  16. Se non hai ferite non dovrebbe succedere nulla la mia dottoressa mi ha spiegato che nei rapporti orali c'è la saliva che aiuta a sconfiggere il virus ma non farti più sborrare in bocca fra 3 mesi fai l'esame per hiv epatite b poi loro sanno cosa fare . Che dire in bocca al lupo.

    RispondiElimina
  17. l'articolo non e' affidabile. Un rapporto orale attivo ha rischio zero. Nel senso che non si ha notizia che sia mai avvenuto un contagio verificato in questo modo.

    Rapporto orale passivo con un partner HIV+ e' anche a basso rischio, anche prendendo lo sperma in bocca. Poi cosa vuol dire basso, discutiamo - si parla di una probabilita' su 5000, ma ovviamente questo puo' variare (di molto) in base alla viremia e alle condizioni della bocca e dell'esofago. Certo non farsi venire in bocca riduce il rischio di molto. Ma il preservativo non e' necessario.

    Queste istruzioni allarmistiche sono controproducenti, perche' la gente non le seguira' mai, e in questo modo si trova lasciata a se stessa. Invece bisogna dare informazioni realistiche aiutando lo persone a scegliere volta per volta in base a quello che gli e' realisticamente possibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra chi traumatizza le persone e chi lascia che corrano rischi, per quanto bassi, senza consapevolezza, abbiamo cercato di dare indicazioni realistiche e praticabili senza troppe difficoltà. Sinceramente non so se l'obiettivo sia stato davvero raggiunto.
      In ogni caso, non mi sembra che sia molto realistica, invece, l'informazione secondo cui il preservativo sarebbe inutile, anche se poi devi considerare la carica virale, poi guardare le condizioni della bocca, quindi dare un'occhiatina all'esofago...

      Elimina
    2. Purtroppo il rischio esiste anche in caso di rapporto orale attivi. Esiste un caso recente abbastanza clamoroso: un attore porno americano ha ricevuto una fellatio da una donna HIV+ perche pensava che la cosa non avrebbe avuto rischi. Invece, a causa di alcune micro lesioni al pene, si è beccato l'HIV e ha contagiato altre 8 persone. Se n'è parlato molto anche in TV. Los Angeles era nel panico e le Iene lo hanno anche intervistato.

      Elimina
    3. e gli asini volano!

      Elimina
  18. leggo alcuni di questi commenti e dico :"FORTUNA CHE SONO FIDANZATO".
    Avrei il terrore di fare sesso occasionale con degli incoscienti del genere in giro.
    Non si può attaccare qualcuno che sta facendo una campagna di sensibilizzazione dicendo "no il rischio è zero"; penso che un gruppo come IL GRANDE COLIBRI' non si esporrebbe così tanto e fare figure di merda se dicesse il falso.
    USATE IL PRESERVATIVO e fatela finita. Fare sesso protetto non rende meno fighi...rende solo più intelligenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della fiducia :-) Comunque ci siamo limitati a dare in modo semplice e diretto le indicazioni che avrebbe potuto dare qualsiasi medico - ma che ben pochi chiederebbero al proprio medico!

      Elimina
    2. forse vivi nel mondo delle favole, ma non sai quanti casi ci sono di persone infettate dai propri fidanzati..

      è più sicuro scopare con preservativo nelle saune e puttanai, che affidarsi senza fare controlli periodici ad un fidanzato.

      Elimina
  19. no vabe...sto leggendo i commenti.....pessimi.

    RispondiElimina
  20. Che significa che sei fidanzato ? Non essere troppo sicuro.....

    RispondiElimina
  21. i commenti sono penosi... :-) l'articolo lo trovo molto corretto

    RispondiElimina
  22. Se smettessero di fare le troie e accoppiarsi con tre milioni di persone, nessuno prenderebbe nessuna MST. Anche se siamo froci, dovremmo pensare a costruire con un partner che amiamo qualcosa che dia sicurezza, invece, di cercare cazzi a destra e a manca e poi sorprendersi di aver contratto malattie letali. Questa è la sensibilizzazione migliore che possa esser fatta: puntare sui sentimenti che nobilitano l'uomo e non fare uso del proprio corpo come se fosse un luogo pubblico.

    RispondiElimina
  23. Due anni fa ho avuto un rapporto orale con uno sconosciuto, ci siamo fatti pompini a vicenda, lui non mi è venuto in bocca e nemmeno ha avuto liquido preseminale. Ho un po' paura, ho appena fatto il test attendo i risultati.

    RispondiElimina
  24. ho paura..sono stato penetrato da una trans con il preserativo.pero'attorno al suo pene si è bagnato con la saliva.ho avuto.molti sintomi.ma un test hiv a 78 giorni ke attendibilità tiene?

    RispondiElimina
  25. L'articolo dice per la maggior parte cagate.. Se non sono presenti ferite profonde nella mucosa orale o nel cavo faringeo non si può essere infettati .. Anche l'ingoio è una pratica a basso rischio.. Il virus dell'hiv è un virus labile ed è subito neutralizzato dall'acidità gastrica.. Anche il semplice spermicida a volte può prevenire da un'infezione.. Quindi è bene usare il colluttorio dopo un rapporto, visto che l'indebolimento delle gengive di cui parla l'articolo è una cazzata.. L'importante è abere le mucose orali e faringee prive di tagli o lacerazioni e soprattutto sane; vale a dire che x esempio la presenza di un sifiloma sia nel cavo orofaringeo che sul pene é un fattore di rischio elevato anche x un rapporto orale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti assicuro che le bocche delle persone sono spesso ridotte molto male, senza che loro stesse se ne rendano conto. Non ha senso dire che i rischi sono bassi a meno che le mucose faringee non sono sane: le persone non sanno cosa questo significa e sottovalutano lo stato della propria salute orale e non hanno modo di controllare il proprio cavo orofaringeo. Tu come controlli il tuo cavo orofaringeo? Meglio essere un po' prudenti che proporre assurdità come questa.

      Elimina
    2. e' tutto falso
      il "pompino" e' tragicamente contaggioso,sopratutto nel periodo finestra del sieropositivo

      vi sono testimonianze di adolescenti,che hanno riscontrato il virus per un semplice fallatio,senza ingoio

      Elimina
    3. già uno che scrive contaggio non è credibile, e ciò è testimoniato dal commento qui pubblicato.

      Elimina
  26. Questa informazione riportata non è affatto veritiera. La frase "Gli studi scientifici stimano che il 6-8% delle infezioni per via sessuale sono avvenute durante un rapporto orale", spero non sia concepita per le infezioni da hiv, perchè sarebbero stra-sbagliate, ache perchè nessun accertamento reale dice quanto voi riportate. Come assolutamente terroristiche sono le informazioni sul farsi fare un pompino... Inoltre, solo una bocca abbondantemente sanguinante potrebbe essere a rischio, il che fa supporre che sia impossibile praticarlo... Leggete cosa dice il ministero della salute e le associazioni che da anni lottano contro questa piaga, ma anche contro questo terrorismo informativo. Altrimenti anche baciarsi sulle guance con i brufoli sarebbe a rischio!!! Sono sgomento per il tono ansiogeno che mette questo inesatto articolo. Poi ci si lamenta che si parla di stigma! Vi prego contattate un esperto in materia di Hiv (tipo anlaids) perchè queste notizie creano paure psicologiche immense, ve ne prego!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mette mille volte meno paura prendere delle minime precauzioni che pretendere l'autocontrollo del cavo orofaringeo prima di praticare una fellatio, come propone il commentatore precedente, perché questi controlli sono assurdi, incomprensibili e ansiogeni.
      I dati dell'articolo mi sembrano corretti, anzi forse un po' bassi. La Conference on Retroviruses and Opportunistic Infection di San Francisco (2000) stimava le infezioni da HIV via sesso orale al 7,8%; Grulich e Prestage (2000) indicano il 9,3%; altri studi offrono risultati analoghi.

      Elimina
    2. Ho cercato gli articoli della conferenza che hai citato, ma è difficile trovare i dati in quella marea di pagine. Potresti dirmi più di preciso dove si trovano? Ci tenevo a leggerli, mi faresti un favore, grazie

      Elimina
  27. Ogni volta che leggo di MST penso: cazzo se son fortunato a essere fidanzato da 7 anni con la persona con cui ho fatto l'amore per la prima volta!
    Capisco però che non si può pretendere che ci si trovi subito e che si rimanga poi sempre uniti per tutta la vita ^_^ né che si debba per forza voler questo per la propria vita!
    Però vorrei inserire un dato in più: le percentuali di ammalati di malattie sessuali aumentano nei casi di (USERO' UNA PAROLA RISCHIOSISSIMA) "promiscuità"... cioè quando uno fa quel cazzo che gli pare... letteralmente.
    Quindi, ad esempio, le percentuali aumentano nel caso della prostituzione, oppure esplodono in situazioni "ambientali" non controllate, impoverite (ad esempio nei paesi africani) o, ancora - e in minor misura - nel caso degli omosessuali: NON perché l'omosessualità sia qualcosa di promiscuo in sé, ma perché è socialmente considerata tale e perciò caratterizzata da incontri loschi, nascosti, appunto "promiscui" negli esiti. Credo che tra le cause della diffusione dell'aids tra omosessuali debba finalmente essere introdotta anche l'omofobia, dato che una maggiore apertura al mondo - impossibile a causa di una dominante cultura omofoba - permetterebbe anche un maggior raziocinio, generalmente, nella ricerca di un partner.
    Immaginate un mondo in cui per incontrare un uomo non devi ficcarti in chat, disco, locali "appositi", ma andare per strada, comprare un gelato, essere urtato per sbaglio da un tipo che ti fa rovesciare il tuo gelato, che per gentilezza te lo ricompra, con cui cominci a parlare... Per quanto il tipo col gelato fosse stato puttana fino a quel momento, potrebbe innamorarsi di questo gentile principe azzurro e volgere la sua vita a una nuova fase, che sia migliore o peggiore, e diventare più o meno fedele cioè, comunque, diminuire le proprie relazioni occasionali e così la probabilità di rimanere infettato.
    Se diminuisse questa "promiscuità" detta-non detta, e anche accettata-non accettata da noi lgbtq stessi (ché a volte ci fa comodo!), forse diminuirebbe anche la diffusione, o comunque si concentrerebbe in determinate circostanze ambientali, localizzate.

    Non c'è niente da fare, l'omofobia fa sempre più male di quanto possa sembrare. Ma che cavolo c'entra tutto quello che ho detto con questo articolo? C'entra perché credo che questa "promiscuità" causata dall'omofobia sia il motivo per cui molti nostri "colleghi" vivono la loro sessualità come un "fare quel cazzo che mi pare" che fa trascurare pericoli come quelli di cui si parla benissimo in quest'articolo, e non fa prendere in considerazione delle semplici regole che non solo possono salvare la propria vita ma anche la propria dignità di persona :)

    RispondiElimina
  28. Per I rapporti oro-genitali: il rischio
    riguarda solo la persona che con la bocca stimola i genitali del partner, mentre chi riceve la stimolazione non si espone a nessun rischio. Per quanto riguarda la fellazio (stimolazione orale del pene), l’utilizzo del profilattico elimina il rischio, ma nel caso non lo si utilizzi è necessario evitare lo sperma in bocca. Per quanto riguarda il cunnilingus (stimolazione orale dei genitali femminili), non esistono casi accertati di contagio attraverso questa pratica, ma è necessario evitare ilcontatto con il sangue nel caso di mestruazioni.(fonti http://www.lila.it/images/doc/info/piu_risposte_meno_dubbi.pdf) la Lila è la lega italiana per la lotta aids.

    RispondiElimina
  29. inoltre sul sito del ministero della salute troviamo scritto Il rapporto oro-genitale è a rischio per l’HIV?
    R. È a rischio solo per la persona che mette la propria bocca (rapporti oro-genitali praticati) a contatto con
    i genitali di un partner sieropositivo. Tuttavia, potrebbe risultare a rischio anche per chi subisce il
    rapporto (persona che mette i propri genitali a contatto con la bocca dell’altro) se il partner ha ferite
    aperte e sanguinanti in bocca, tanto da lasciare tracce copiose ed abbondanti di sangue sui genitali del partner. Se chiamate il loro numero verde vi spiegheranno che per tracce copiose e abbondanti ,in intende traccie di sangue lasciate sul glande ,da un molare estratto ,o a un taglio che necessita punti di sutura ,e non dal semplice sanguinamento delle gengive. Ecco perchè non consigliano di fare il test a chi ha solo ricevuto una fellatio: nessuno infatti vi farebbe una fellatio con delle ferite tanto profonde in bocca,andrebbe al pronto soccorso semmai. fonti: http://www.iss.it/binary/aids/cont/FAQ_aids.pdf. l' ISS è l'istituo superiore di sanità

    RispondiElimina
  30. Sono sieropositiva, un ragazzo mi ha leccato per pochi secondi la vagina poi mi ha messo il dito dentro e se l'è messo in bocca e non ho fatto in tempo a fermarlo.... Dai miei esami il virus non risulta più visibile nel sangue, posso averlo contagiato? Aiuto mi sento una Merda!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei conoscerti, anch'io s+ 30enne. Single

      Elimina
  31. Perdonatemi, io non sono né musulmano, né omosessuale, ma sono un medico, specializzando in malattie infettive, e credo di poter chiarire alcuni concetti "oscuri", punto per punto;

    1) "Gli studi scientifici dimostrano che il 6-8% delle infezioni sono avvenute tramite sesso orale". Falso. Quegli studi non sono stati condotti con criteri scientifici e sono stati screditati molti, molti anni fa. Wikipedia dice il vero, cosa che è facilmente dimostrabile con dozzine di studi.

    2) "Il sesso orale comporta rischi". Parzialmente falso. Quello che bisogna capire è che la medicina non è come la matematica, raramente si ha una certezza del 100% e si dovrebbero prendere in considerazione dozzine di variabili. Analizzando rapporto per rapporto;
    I) Cunnilingus; mai casi accertati.
    II) Anilingus; forse (forse) un caso. Non accertato però.
    III) Fellatio attiva (prenderlo in bocca); qualche caso sospetto, molto probabile, ma nessun caso accertato. Rischio estremametne basso (stimato ad 1:10000; probabilmente sono anche stime esagerate).
    IV) Fellatio passiva (metterlo in bocca); mai casi accertati. Neanche uno. Non ci sono neanche casi concretamente sospetti, in oltre 30 anni.
    Questi sono tutti rischi "teorici" (come è un rischio teorico essere rapito da agenti nordcoreani e trasportato di nascosto a Pyongyang per essere addestrato come spia. Ma diciamo che è altamente improbabile). Quando si trova sul sito del CDC "rischio stimato", vuol dire che in sostanza non ci sono prove che sia mai avvenuto.

    L' "attore porno" intervistato dalle Iene, comunque, ha detto di aver fatto un pompino, non di averlo ricevuto, ed in ogni caso è stato screditato. E' un bugiardo, cosa che chiunque abbia una qualsivoglia competenza in medicina sa.

    Le malattie sono già un argomento complesso, per favore, non disseminate il panico se non siete addetti ai lavori, scrivendo cose false e//o assurde. Gli oltre dieci anni di addestramento tecnico che quelli come me ricevono non sono solo una barzelletta.

    Non commenterò neanche l' idiozia dell' inesistenza dell' HIV o del non-collegamento tra HIV ed AIDS, alla quale credono solo gli stupidi, oramai.

    RispondiElimina
  32. Mi sembra molto competente e chiarificatore il tuo intervento. Ma tu parli solo di HIV e AIDS. Perché non ci chiarisci anche quali rischi si corrono con un rapporto orale rispetto alle altre MTS (malattie sessualmente trasmissibili)? Perché il fatto che con un rapporto orale il rischio di contagio da HIV sia molto basso, ciò non vuol dire che non ci si possa beccare qualche altra amena infezione (herpes, epatite, sifilide, e quant'altro). Attendo tuoi lumi! Grazie.

    RispondiElimina
  33. leggendo i commenti ho capito che il sesso orale non protteto e rischioso?evitare di ingoiare lo sperma evita le malattie o si e ugalmente a rischio?dopo il sesso orale e buono usare un colluttorio disinfettante per evitare che i batteri si attacano alla bocca evitanto qualche malattia, cmq forse mi sbaglio non essendo in materia sono imbranata però leggendo nei forum leggo che il sesso orale puo essere a rischio ingoiando lo sperma oppure se si e a contatto con il sangue,da premettere che non ho mai fatto il test hiv ed ho avuto rapporti occasionali devo preoccuparmi?spero di ricevere una risposta al piu presto.

    RispondiElimina
  34. ma tu sei un uccellaccio del malaugurio o un gran ipocondriaco.

    il ragazzo non ha fatto NULLA di rischioso in quello che scrive
    più che altro dovrebbe andare dallo psicologo per le ansie.

    RispondiElimina
  35. Oltre venti anni fa purtroppo ho avuto un rapporto sessuale non protetto con una ragazza, e mi ha contagiato con l'herpes genitale. Ero poco più che adolescente... Tutto per una normalissima scopata giovanile. E' una croce che sarò costretto a portarmi dietro tutta la vita, le recidive sono fastidiose, sopratutto dal punto di vista psicologico. Pensateci, specie per patologie ben più gravi: usate SEMPRE il profilattico, qualunque siano i vostri gusti sessuali...

    RispondiElimina
  36. Spero che leggendo questa recente documentazione del ministero della sanità sul tema dell'hiv, molti stupidi che pensano ancora che questa malattia sia molto difficile da trasmettere, ragionino e si convincano del contrario..prego signori della leggerezza e dei pregiudizi insensati leggete..(ovviamente copiate ed incollate) http://www.salute.gov.it/portale/p5_1_2.jsp?lingua=italiano&id=164

    RispondiElimina
  37. INSOMMA SE MI FACCIO FARE UN POMPINO DA UNA DONNA SCOPERTO SONO ETERO E LE VENGO IN BOCCA RISCHIO CONTAGIO DI QUALCOSA

    RispondiElimina
  38. ottimi articoli, prevenzione vera. ma la verità, si sa, dà fastidio.

    RispondiElimina

Per commentare seleziona dal menù a tendina il tuo account. Dopo ripetuti episodi di trolling e di messaggi violenti e minacciosi non sono più accettati commenti anonimi.