7giorniLGBT – Notizie LGBT dal 20 al 26 gennaio

primo matrimonio gay riconosciuto in russia
Il matrimonio di Eugene e Pavel a Copenhagen

La foto della settimana – Eugene e Pavel si sono sposati in Danimarca e sostengono che le autorità russe avrebbero riconosciuto ufficialmente il loro matrimonio, probabilmente per errore [Mirror].

La frase della settimana – Il pornoattore gay Max Konnor si è lamentato perché i ragazzi neri sono ridotti a feticci di cui importa solo il colore della pelle, aprendo un’interessante discussione su Twitter:

Odio quando parlano del mio cazzo come di un “grosso cazzo nero” o espressioni del genere. Non si specifica mai il colore di un cazzo bianco… Io non sono un feticcio: sono un essere umano.

Africa:

Sudafrica. Una ricerca ha scoperto che gran parte delle ostetriche tradizionali nelle zone rurali uccidono i bambini intersessuali appena nascono, perché considerati presagio di sventura  [Il Grande Colibrì].

Zimbabwe. Il neopresidente Emmerson Mnangagwa ha detto di non avere il compito di difendere i diritti delle persone LGBTQIA e quindi di non avere intenzione di depenalizzare i rapporti omosessuali [CNN].

Asia e Oceania:

Indonesia. I partiti, spinti dalla bufala per cui starebbero per approvare le nozze gay, hanno ribadito di essere contrari all’omosessualità, accelerando il progetto che vorrebbe criminalizzarla [Tribun News].

India. Le persone trans denunciano in tutto il paese la violenta transfobia della polizia: le testimonianze raccontano abusi sessuali, assalti fisici, aggressioni verbali, arresti ingiustificati [Il Grande Colibrì].

Americhe:

Brasile. L’omofobia e la transfobia non avevano mai provocato tanti morti quanto nel 2017: in un anno le vittime sono state ben 445 (387 omicidi e 58 suicidi), con un aumento addirittura del 30% [The Guardian].

Stati Uniti. Un rapporto della Gay & Lesbian Alliance Against Defamation (GLAAD) mostra come, per la prima volta dopo 4 anni, l’accettazione delle persone LGBTQIA si sia ridotta, passando dal 53% al 49%.

Medio Oriente e Africa settentrionale:

Pakistan. Due attiviste transgender di TransAction sono state brutalmente attaccate in pochi giorni: la prima è in ospedale con una pallottola in gola, la seconda ha subito uno stupro di gruppo [76 Crimes].

Egitto. La polizia già tende trappole sui siti di incontro e organizza raid contro le minoranze sessuali, ma la comunità LGBTQIA teme che la situazione possa peggiorare ulteriormente [International Business Times].

Europa:

Unione Europea. La Corte di Giustizia dell’Unione europea ha stabilito che i richiedenti asilo che si dichiarano omosessuali non devono essere costretti a subire test sul loro orientamento sessuale [BBC].

Regno Unito. Un neonazista e suprematista bianco è sotto processo perché stava pianificando un attacco terroristico con un machete contro un locale gay (ma si è fatto scoprire parlandone su Facebook [BBC].

Italia:

Torino. Un incontro organizzato dal Comitato Torino Pride ha ricordato i triangoli rosa e l’omocausto, cioè la deportazione e lo sterminio di migliaia di omosessuali da parte dei regimi nazi-fascisti [La Stampa].

Verona. La censura dei libri accusati di diffondere la “teoria gender” è al centro del concorso per il miglior racconto fantascientifico LGBT promosso dalla Biblioteca Oberon di Pianeta Milk [Io Sono Minoranza].

Gli approfondimenti della settimana:

Politica. Da anni si registra una svolta a destra dell’elettorato omosessuale: il politologo Gaël Brustier fa il punto sugli studi fatti su questo fenomeno negli ultimi anni e sull’omonazionalismo [Il Grande Colibrì].

Russia. Il regime di Vladimir Putin si presenta come il paladino della “famiglia tradizionale” nel mondo, ma in realtà deve affrontare la crisi più drammatica dell’istituzione matrimoniale [Il Grande Colibrì].

Pier
©2018 Il Grande Colibrì

Scritto da
More from Pier

Sobrietà e decoro: quando il Pride tradisce la comunità

“Quando le nostre persone LGBTQIA (lesbiche, gay, bisessuali, trans, queer, intersessuali e...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *