Leggere gay: i libri consigliati sotto l’ombrellone

Le vacanze estive sono alle porte. Un periodo di relax che alcuni amano dedicare anche alla lettura. A quanti piace passare qualche momento sotto l’ombrellone con un libro in mano, consigliamo qualche titolo, tentando un mini-percorso: dall’Italia appena unita all’Italia di oggi e, dio non voglia, di domani. Di ogni titolo presentato si dicono solo due parole, rimandando quanti desiderano saperne di più alle recensioni corrispondenti. Basta cliccare sui link…

Partiamo, quindi, dal fatto che siamo nell’anno del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Forse non tutti sanno che uno dei nostri patrioti risorgimentali, Luigi Settembrini, ha scritto un libretto delizioso che non molti hanno letto: I Neoplatonici (leggi). A dispetto del titolo che può far venire alla mente lezioni di filosofia, il romanzo parla di due ragazzi e del loro amore che dura tutta la vita.

L’Italia di oggi è assai diversa da quella ottocentesca dei nostri patrioti. Oggi, ad esempio, l’Italia non è solo vissuta da italiani, ma anche da oriundi e stranieri che, spesso, hanno radici culturali distanti dagli indigeni. In Il ragazzo orchidea di Paola Presciuttini (leggi) si parla dell’incontro tra una transessuale italiana e un ragazzo marocchino. Un incontro tra due tipi di persone spesso tenuti ai margini della società che si trasforma in conoscenza di sé e dell’altro.

Ma a parlare di marocchini non sono, ovviamente, solo scrittori occidentali. Oggi, uno degli autori da tenere più d’occhio è sicuramente il marocchino Rachid O. che conosce bene anche la Francia e, in parte, anche l’Italia. Per iniziare la conoscenza della sua opera, si consiglia Il bambino incantato (leggi), un racconto autobiografico nel quale Rachid narra le sue esperienze sessuali di bambino con adulti sia marocchini, sia francesi. Un libro lontano da ogni morbosità, scritto con una lingua che ricorda il parlato.

A proposito di bambini, di sesso e di francesi, non può mancare in questa veloce carrellata La dolcezza di Christophe Honoré (leggi). Una storia in grado di scavare nel profondo dei lettori. Una vicenda crudele e tenera. Una storia d’amore e d’orrore che ha come protagonisti, appunto, dei bambini.

A parlare di un bambino è anche Tu Cher dalle stelle di Matteo B. Bianchi (leggi). La vicenda di questo bambino non è drammatica e singolare come quella narrata nel libro di Honoré. La storia del bambino protagonista del racconto dello scrittore italiano è, invece, abbastanza comune tra i bimbi destinati a diventare dei futuri gay: quella di non vedere rispettate le proprie volontà “alternative” già dalla più tenera età. Un libro delizioso che si legge in un fiato.

Come si diceva, spesso i gay non sono rispettati nei loro desideri e nelle loro volontà anche da adulti e non solo da bambini. In Ologramma con gatto nero (leggi) Dante G. Munafò finge un’Italia futura. Un’Italia governata in modo violento da coloro che sbandierano come valori e ideali “la famiglia, la chiesa, la patria e l’ordine” e negano, di fatto, la libertà a coloro che non la pensano come loro. Un’Italia omofoba che, purtroppo, è ricalcata sull’Italia di oggi e che si spera non diventi davvero l’Italia di domani.

 

Danilo Ruocco*
Licenza CC

Licenza Creative Commons

* Danilo Ruocco è saggista, narratore e giornalista.
More from Il Grande Colibrì

Fondi per la Tunisia LGBT, l’impegno di Fondo Samaria

La Tunisia è una piccola repubblica di 10 milioni di abitanti, che...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *