Marrakech, arrestata coppia gay marocchino-spagnola

Uomini in giro per il suq di Marrakech, in Marocco

Questo 2016 sarà sicuramente ricordato per i numerosi arresti ai danni della comunità LGBTQI (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali, queer e intersessuali) marocchina, una vera e propria caccia alle streghe. Marrakech è ancora una volta teatro di un arresto a danno di due uomini gay. Un ennesimo arresto, dopo quello delle due ragazze minorenni, di 16 e 17 anni, arrestate alla fine di ottobre [Il Grande Colibrì]. Il loro processo era stato rimandato dal 4 novembre al 25, ma si è concluso con un nulla di fatto, per poi essere spostato al 9 dicembre.

Un marocchino e uno spagnolo sono stati interrogati dalla polizia giovedì 24 novembre in un hotel di Marrakech, come riporta Al-Yaoum 24. 
I due sarebbero stati sorpresi dalla cameriera di un hotel, nel quale avevano una regolare prenotazione, a fare sesso nello stesso letto. Dopo che la cameriera ha avvertito il manager dell’hotel, i due uomini sono stati portati nella stazione della polizia e messi in custodia.

Dalle pagine dell’Huffington Post, Omar Airbib, membro dell’Association marocaine des droits humains (Associazione marocchina per i diritti umani; AMDH), chiede a gran voce la fine di questi arresti. “Gli arresti di questo tipo devono cessare. Non è normale: si tratta di due persone maggiorenni che hanno assolutamente diritto alla loro indipendenza. Secondo le leggi marocchine rischiano fino a tre anni di carcere”.

Secondo il collettivo Aswat (Voci), un’organizzazione marocchina che lotta per i diritti LGBTQI in Marocco, il turista spagnolo, 70 anni, è stato rilasciato mentre il ragazzo marocchino, 20 anni, rimane in custodia nelle mani delle autorità locali.

 L’articolo 489 del codice penale marocchino prevede pene detentive e multe per chi è colpevole di “atti indecenti contro natura con un individuo dello stesso sesso”. L’omosessualità è punibile attraverso la carcerazione con pene che vanno da 6 mesi a 3 anni di reclusione e una multa da 120 a 1.200 dirham (da 11 a 110 euro circa).

Questi arresti hanno in sé una doppia crudeltà, perché, oltre a colpire la persona stessa, si colpisce la privacy.

Un caso analogo, anche se non è partito da un arresto ma da una pubblica umiliazione, è successo nei primi mesi di quest’anno, a Beni Mellal. Due ragazzi si trovavano a casa loro a letto, a fare sesso, quando un gruppo di persone ha fatto irruzione nella loro abitazione e ha cominciato a pestare e insultare i due, colpendo uno di loro con un’arma da taglio per poi umiliarli facendoli marciare nudi e insanguinati per strada. Contemporaneamente qualcuno riprendeva il tutto con un telefono, e nei giorni successivi il video divenne virale, provocando varie proteste da parti di chi sosteneva ed elogiava la spedizione punitiva e chi, invece, stava dalla parte dei ragazzi torturati e umiliati [Il Grande Colibrì].

Il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha invitato il Marocco a depenalizzare l’omosessualità, ma dubito che ciò possa avvenire al più presto senza scatenare le ire di una maggioranza del paese [Alto commissariato ONU per i diritti umani].

 

Anes
@2016 Il Grande Colibrì

Scritto da
More from Anes

LGBT in carcere in Egitto: centinaia di casi dal 2013

Quelli che ci fornisce la campagna Solidarity with Egypt LGBT (Solidarietà con l’Egitto...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *