Tunisia, il reato di “sodomia” è contro la costituzione

Manifestanti durante la rivoluzione tunisina del 2011

Chi racconta le rivoluzioni arabe come una storia già conclusa, come un fallimento inevitabile, farebbe bene a ricordarsi come la Tunisia abbia cacciato il proprio dittatore e abbia fatto passi da gigante nello sviluppo democratico e nel rispetto delle libertà collettive, come quelle di espressione e di associazione. Questo percorso coraggioso, che ovviamente non poteva essere istantaneo e privo di problemi, è culminato con l’adozione di una nuova costituzione il 27 gennaio 2014.

Le persone che difendono i diritti umani in Tunisia sono fiere di questa costituzione, a cui fanno riferimento costantemente. Damj, l’associazione tunisina per la libertà e la giustizia che difende i diritti delle persone LGBTQI (lesbiche, gay, bisessuali, transgender, queer e intersessuali), afferma che “la nuova costituzione, frutto di un lungo processo consensuale, risponde nel suo insieme alle aspirazioni delle forze democratiche: infatti stabilisce la maggior parte dei diritti e delle libertà e limita fortemente le possibilità di restringerli o di violarli”.

Eppure il codice penale tunisino continua a prevedere reati che, in nome di un moralismo imposto per legge, calpestano le identità e la dignità della popolazione: l’articolo 230, che risale al 1913 e che è ancora applicato, condanna con il carcere l’omosessualità femminile e maschile (indicata con il termine “sodomia” nella traduzione ufficiale francese).

L’apparato poliziesco e giudiziario, inoltre, perseguita le persone LGBTQI (o che sembrano tali) accusandole ingiustamente di altri crimini, come l’oltraggio al pudore, la prostituzione e l’adescamento. Chi finisce in carcere con queste accuse subisce maltrattamenti psicologici e fisici, spesso vere e proprie forme di tortura, come i famigerati “test anali”, cioè esami dell’ano totalmente privi di validità scientifica con cui si pretende di capire se una persona è stata penetrata o no [Il Grande Colibrì].

Uno stato che agisce in questo modo giustifica e alimenta l’omofobia e la transfobia nella società: le aggressioni per strada, le discriminazioni contro le minoranze sessuali, le dichiarazioni di odio sui media e persino le “goliardate” in stile nazista [Il Grande Colibrì] sembrano diventate più frequenti dopo una serie di arresti di ragazzi accusati di essere omosessuali [Il Grande Colibrì].

Per eliminare questa legge – e con essa le sue conseguenze giudiziarie, politiche, sociali e culturali – venerdì prossimo (4 novembre) Damj ha organizzato a Tunisi una tavola rotonda sull’incostituzionalità dell’articolo 230 del codice penale, a cui parteciperanno anche esponenti dell’Association de Défense des Libertés Individuelles (Associazione di difesa delle libertà individuali; ADLI) e della Fédération Internationale des Droits de l’Homme (Federazione internazionale dei diritti umani; FIDH): l’incontro servirà a spiegare quello che è evidente, cioè che la criminalizzazione dell’omosessualità è in contrasto con i principi di libertà stabiliti dalla costituzione e dalle convenzioni internazionali firmate dalla Tunisia.

Damj, nell’annunciare questa importante iniziativa, sottolinea l’importanza della rivoluzione del 2011: l’azione del movimento arcobaleno tunisino, in altre parole, non rinuncia o misconosce il processo rivoluzionario, ma al contrario si inserisce con forza al suo interno e chiede il suo completamento. Perché oggi la Tunisia deve mantenere la sua promessa di libertà, uguaglianza e dignità per tutte le persone, comprese quelle LGBTQI.

 

Pier
©2016 Il Grande Colibrì

Scritto da
More from Pier

Diritti LGBT, le mille contraddizioni delle Filippine

Di fronte al massacro sommario che ha promosso in una lotta alla...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *