Starbucks gay-friendly: in Indonesia parte il boicottaggio

bibite ghiacciate e colorate di Starbucks
Alcune bevande ghiacciate e colorate di Starbucks

Opporsi a una multinazionale perché non condanna l’omosessualità? Ci ha pensato Anwar Abbas, leader della Muhammadiyah (Seguaci di Maometto), la seconda più grande organizzazione islamica dell’Indonesia. Abbas ha invitato i suoi concittadini a boicottare Starbucks, la catena statunitense di caffetterie ormai presente in tutti gli angoli del mondo, perché colpevole di avere più volte supportato il matrimonio omosessuale e i diritti delle persone LGBTQIA (lesbiche, gay, bisessuali, trans, queer, intersessuali e asessuali). Con l’intenzione di farle revocare anche la licenza di esercizio, il leader musulmano dichiara: “Se Starbucks pensa solo agli affari, va bene. Ma che non porti qui la sua ideologia” [Reuters].

L’impegno di Starbucks

Dopo che la Corte suprema degli Stati Uniti si è espressa a favore del matrimonio egualitario nel giugno 2015, Starbucks dichiarò di “sostenere da molto tempo la comunità LGBT e l’uguaglianza del matrimonio”. E Anwar Abbas si ricorderà senz’altro la dichiarazione nel 2016 del manager di Starbucks Indonesia, Yuti Resani: “Starbucks apprezza la diversità e l’equità e ci siamo impegnati a fornire un ambiente inclusivo e accogliente per tutti i nostri partner e clienti” 
[Republika].

Indonesia, ora la polizia propone una task force anti-gay

Anwar sostiene che Starbucks attacchi in maniera negativa i principi e le regole morali dell’Indonesia dichiarandosi continuamente a favore dei diritti LGBTQIA, come hanno fatto anche altre multinazionali come Microsoft, McDonald e Google. E anche Twitter, social network a cui si affidano gli indonesiani dalla parte di Anwar per lanciare l’hashtag #BoikotStarbucks (Boicotta Starbucks).

L’intolleranza in crescita

La situazione in Indonesia per i diritti LGBTQIA, ma anche per le donne e le minoranze, sta diventando preoccupante: la tolleranza e la stabilità dei diritti umani vacillano fortemente. Essere gay in Indonesia non è un crimine, ma le recenti e continue persecuzioni da parte dei corpi di polizia e dei funzionari pubblici alimentano la già presente intolleranza di molti cittadini indonesiani. Preoccupano inoltre le pene corporali della provincia semi-autonoma di Aceh, retta dalla legge della sharia. Gli arresti di massa [Il Grande Colibrì; Il Grande Colibrì] dei mesi scorsi e la task-force anti-gay organizzata dalla polizia [Il Grande Colibrì] hanno portato diversi gruppi internazionali per i diritti a condannare la situazione del paese.

Un gruppo di 37 membri del Congresso degli Stati Uniti ha inviato all’ambasciatore dell’Indonesia una lettera in cui si sottolinea la crescente radicalizzazione e la persecuzione verso le minoranze, le donne e la comunità LGBTQIA, citando anche le fustigazioni di uomini gay a Aceh. Una situazione che – dicono – continuerà a essere monitorata e che potrebbe portare l’Indonesia a una diminuzione dei rapporti economici con le altre democrazie [Asian Correspondent].

 

Ginevra
©2017 Il Grande Colibrì

Scritto da
More from Ginevra

Una serie TV per sfidare gli stereotipi omofobi in Nigeria

In un paese come la Nigeria in cui essere omosessuale costa il...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *