Gay, nuovo arresto di massa: 141 in manette in Indonesia

due ragazzi gay condannati a aceh in indonesia
I due ragazzi condannati per omosessualità ad Aceh

14 presunti omosessuali arrestati in Indonesia [Il Grande Colibrì], 30 in Iran [Il Grande Colibrì], 27 in Bangladesh [Il Grande Colibrì], ora addirittura 141 di nuovo in Indonesia: se aprile, con le notizie delle decine di uomini rapiti e torturati dalla polizia cecena [Il Grande Colibrì] e dei 53 finiti in carcere in Nigeria [Il Grande Colibrì], sembrava insuperabile, la serie impressionante di arresti di massa di gay di maggio lascia senza parole (e, a dire il vero, di parole ce ne sono state davvero poche, considerata la sostanziale indifferenza suscitata dalle ultime angoscianti notizie).

L’ultimo raid indonesiano è stato, appunto, il più imponente: la polizia della capitale Giacarta ha fatto irruzione in una sauna in cui si stava svolgendo la serata “The Wild One” (La selvaggia) e ha scoperto che si trattava di un sex party gay. Tutti gli uomini presenti nel locale sono stati arrestati: si tratta, tra clienti e personale, di 141 persone, tutte di nazionalità indonesiana a parte un britannico e un singaporiano [Tempo]. Gli agenti hanno sequestrato preservativi e sex toys e hanno diffuso fotografie dei presunti omosessuali, nudi o a torso nudo, che sono state pubblicate senza oscurare i volti anche da alcuni media locali.

Il portavoce della polizia Raden Argo Yuwono ha spiegato alla BBC: “C’erano gay che sono stati sorpresi a fare spogliarelli e a masturbarsi”. Tutti gli arrestati sono accusati di aver violato la famigerata Legge contro la pornografia e la pornoazione (“pornoaksi”, un neologismo inventato appositamente per la norma). In Indonesia infatti i rapporti omosessuali sono legali, ma questa legge estremamente vaga e severa, introdotta nel 2008 per le pressioni dei gruppi islamici fondamentalisti, viene usata per giustificare la persecuzione di gay e bisessuali: scambiarsi foto a luci rosse o fare o assistere a uno spogliarello sono considerati “crimini” sufficienti per essere accusati di “pornoazione”.

Un peggioramento rapido e  continuo

La stessa accusa era già stata utilizzata a inizio mese per l’arresto dei 14 presunti omosessuali forse in procinto di iniziare un festino a Surabaya. Anche in quel caso, comunque, gli eventuali scambi erotici si sarebbero svolti in un luogo privato, non visibile o accessibile a nessuno.

Festino gay in albergo: arresto di massa in Indonesia

L’unica zona del paese dove l’omosessualità è condannata esplicitamente in quanto tale, senza ricorrere a ipocrite accuse di pornografia, è la provincia autonoma di Aceh, dove però finora la norma non era stata applicata. Finora, perché, come purtroppo previsto, due ragazzi sorpresi a fare sesso dai vicini [Il Grande Colibrì] sono stati condannati a ricevere 85 frustate in pubblica piazza al termine di un processo dove non sono stati assistiti da avvocati e in cui la pubblica accusa aveva proposto una pena di 80 frustate. La sentenza dovrebbe essere eseguita domani [Tribun Medan].

La situazione dei diritti delle persone LGBTQIA (lesbiche, gay, bisessuali, transgender, queer, intersessuali e asessuali) conosce un continuo e rapido deterioramento da circa un anno e mezzo, tenendo anche conto che, oltre alle persecuzioni poliziesche e giudiziarie, sono in azione anche gruppi di giustizieri fondamentalisti come il Front Pembela Islam (Fronte dei difensori dell’islam), che perseguitano omosessuali e transgender nell’indifferenza e a volte persino con il sostegno delle forze dell’ordine.

 

Pier
©2017 Il Grande Colibrì

Scritto da
More from Pier

Pride e nozze gay in Asia, il Vietnam supera il Nepal?

400mila persone hanno partecipato alla parata delle barche di Amsterdam, la capitale...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *