Pornostar gay, la proposta di matrimonio viene dopo l’orgia

orgia matrimonio pornostar gay
La proposta di matrimonio di Brian Bonds a Mason Lear

Se siete tipi romantici, adorerete le proposte di matrimonio – e un sacco di volte vi sarete commossi vedendo i video di qualche ragazzo che porge l’anello al suo fidanzato e gli chiede se vuole sposarlo, ammettetelo!

Ora immaginate che avete appena fatto l’amore con l’uomo della vostra vita e lui tira fuori la famosa scatolina con l’anello. Ha un attimo di difficoltà ad aprirla, perché la mano scivola, bagnata di lubrificante. O di sperma. Di non si sa bene chi. I vostri amici sono tutti intorno a voi. Completamente nudi, alcuni in erezione. Eh già, perché avete appena finito di girare – tutti insieme – una scena di gang bang per un film porno.

“Una coppia aperta di cani in calore”

Se per caso tutto questo non coincidesse molto con i vostri ideali romantici… beh, pazienza. Perché l’amore è bello, ma la libertà non è da meno.

Brian Bonds, la pornostar che ha fatto questa proposta di matrimonio così inusuale al suo collega e fidanzato Mason Lear, ha commentato così: “Il modo in cui ho fatto la proposta al mio fidanzato è una mia scelta. Siamo due attori porno e ho pensato che sarebbe stata una cosa speciale non solo per noi, ma anche per l’industria. Se qualche conservatore cercherà di approfittarne per toglierci i nostri diritti, può anche succhiarmi il cazzo“.

Ah, per la cronaca Mason ha risposto di sì. E la coppia continuerà ad essere aperta, sul lavoro e non solo, anche dopo le nozze. “Preferisco che rimaniamo quel che siamo: una coppia aperta di cani in calore che lavorano con il sesso e che amano la compagnia dei propri amici… e non solo! – spiega Brian – Perché dovremmo uccidere una parte che amiamo della nostra relazione?“.

Pier Cesare Notaro
©2018 Il Grande Colibrì
foto: Twitter
* Le fonti non sono indicate perché vietate ai minori.

Leggi anche:

White porno: il cinema gay a luci rosse è troppo bianco

Erezione rivoluzionaria: breve storia del porno gay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *