7giorniLGBT – Notizie LGBT dal 10 al 23 febbraio

ritratto di barack obama di kehinde wiley
Il ritratto di Barack Obama realizzato da Kehinde Wiley

La foto della settimana – Kehinde Wiley è il primo artista gay e nero a dipingere il ritratto di un presidente statunitense (Barack Obama): il dipinto è ufficialmente esposto alla Galleria Smithsonian.

La frase della settimana – Anahita Sarabhai e Shamini Kothari, coppia queer di Ahmedabad, in India, cercano di creare un ambiente sicuro per le persone LGBTQIA, riuscendo a ottenere molti traguardi.

Il Pride era uno dei miei sogni e pensavo che non si sarebbe realizzato tanto presto. Ma lavorando con QueerAbad ho realizzato che la città è pronta. Posso sentirlo. Posso vedere i cambiamenti.

Asia e Oceania:

Pakistan. Febbraio si rivela un mese ricco di conquiste per le persone trans: non solo è stata creata una nuova legge per la protezione dei loro diritti, ma sono state anche ammesse nell’associazione dei boy scout.

Malesia. Quali sono i trucchi per riconoscere se un uomo è gay o se una donna è lesbica? Il quotidiano Sinar Harian è convinto di saperlo: leggere per capire fino a che punto può arrivare la stupidità umana.

Europa:

Ucraina. Il consiglio comunale di Ivano-Frankivs’k ha votato all’unanimità la petizione per una legge contro la “propaganda gay” che vieterebbe qualsiasi rappresentazione pubblica delle realtà LGBTQIA.

Russia. Il gruppo “Gay per Putin” sostiene di voler appoggiare la candidatura di Vladimir Putin. La notizia è quasi sicuramente una provocazione dato che in Russia è in vigore la legge contro la “propaganda gay”.

Americhe:

Trinidad e Tobago. Il 12 aprile avverrà il giudizio finale sulla domanda di legge proposta da Jason Jones per depenalizzare l’omosessualità, per la quale attualmente si rischiano anche 25 anni di carcere.

Barbados. L’affittacamere trans Alexa Hoffmann, sopravvissuta all’aggressione con una mannaia da parte di un ex inquilino, denuncia il fallimento della polizia nell’arrestare l’uomo e le battute transfobe degli agenti.

Medio Oriente e Africa settentrionale:

Libano. Durante una campagna per combattere l’omosessualità nelle forze di sicurezza, un membro (“non ti alto rango”) della Direzione generale della sicurezza di Stato è stato arrestato con l’accusa di essere gay.

Egitto. La polizia ha arrestato uno studente perché accusato di voler organizzare un evento musicale a cui avrebbero partecipato solo uomini gay, ma il procuratore ha deciso di rilasciarlo per mancanza di prove.

Africa:

Mali. Un ragazzo, accusato di travestirsi e truccarsi e sospettato di essere omosessuale, è stato svestito, molestato e picchiato dalla folla a Bamako. L’umiliazione è stata filmata e poi caricata su Facebook.

Ghana. Una piccola folla ha fatto irruzione in una casa e ha prelevato due giovani ragazze per linciarle, solo perché sospettate, senza prove, di essere lesbiche: l’intervento della polizia ha evitato il peggio.

Italia:

Siena. Esce la data e il luogo ufficiale per il Toscana Pride: quest’anno l’evento finale verrà fatto a Siena sabato 16 giugno. Ad annunciarlo sono le persone che si occupano dell’organizzazione e del direttivo.

Lucca. Apre “Camminando s’apre Cammino”, un gruppo di preghiera cristiano LGBTQIA: sotto la guida spirituale di don Alessandro Bertolacci, sarà un ambiente dedicato alla religione e al confronto.

Gli approfondimenti della settimana:

Cina. I nuovi movimenti LGBTQIA cinesi vogliono diventare un punto di riferimento in Asia e Africa, occupandosi di questioni internazionali e non: lo rivela un’inchiesta del giornale ufficiale Global Times.

Identità di genere. Nessuno dei tre gruppi di fattori (biologici, psicologici e sociali) è in grado di definire da solo il senso di appartenenza alle categorie sociali e culturali “maschio/femmina”, a entrambe o a nessuna.

Draconis, Jess e Nicholas
©2018 Il Grande Colibrì

Scritto da
More from redazione

Trump nomina un segretario di Stato anti-LGBT

Sembra che la nuova amministrazione Trump sia poco interessata a proseguire sulla...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *